Caso Ruby Rubacuori Silvio Berlusconi, udienza il 6 aprile. Ultime notizie Milano -
Il processo a Silvio Berlusconi inizierà il 6 aprile prossimo, alle ore 9.30, davanti alla IV sezione penale del tribunale di Milano in composizione collegiale. «In data odierna - si legge in un documento firmato dal Presidente dell'ufficio GIP di Milano, Gabriella Manfrin - il giudice per le indagini preliminari Cristina Di Censo, ha depositato il decreto con cui si dispone ai sensi degli articoli 453 e seguenti del codice di procedura penale, giudizio immediato a carico dell'onorevole Silvio Berlusconi» per i reati di concussione e prostituzione minorile.

A Silvio Berlusconi la Procura della Repubblica di Milano contesta di aver abusato della qualità di presidente del Consiglio per indurre i funzionari della procura di Milano, la notte del 27 e 28 maggio dell'anno scorso, ad affidare Ruby alla consigliera regionale Nicole Minetti e per avere avuto rapporti sessuali con la giovane marocchina ad Arcore.

Il gip Cristina Di Censo, nel disporre il rinvio a giudizio per il premier, Silvio Berlusconi, ha valutato tutte le «premesse processuali», come la questione della connessione dei reati di prostituzione minorile e concussione, e quella della competenza della Procura della Repubblica di Milano ad indagare. Lo ha spiegato il presidente dell'ufficio Gip, Gabriella Manfrin. Dunque, il Gip ha preso in considerazione anche le memorie difensive dei legali di Silvio Berlusconi che sostenevano la competenza del tribunale dei ministri, e ha deciso per la competenza della procura  della Repubblica di Milano. Saranno i giudici Carmen D'Elia, Orsolina De Cristofaro e Giulia Turri i giudici della quarta sezione del tribunale di Milano che comporranno il collegio che giudicherà il premier Silvio Berlusconi il 6 aprile prossimo nel processo con rito immediato disposto dal gip sul caso Ruby.


Ruby "Rubacuori" ed il ministero dell'Interno sono parti lese per quanto riguarda il processo. Karima El Mahroug, in arte Ruby, è persona offesa nel procedimento in relazione al reato di prostituzione minorile contestato a Silvio Berlusconi in quanto il premier avrebbe commesso atti sessuali con la giovane in cambio di denaro o altre utilità dal febbraio al maggio del 2010, quando la ragazza non aveva ancora 18 anni. Il ministero dell'Interno, invece, è parte offesa in relazione al reato di concussione ipotizzato nei confronti di Silvio Berlusconi in relazione alla telefonata che  il Premier Berlusconi fece nella notte tra il 27 ed il 28 maggio scorso in questura a Milano per ottenere il "rilascio" di Ruby che era stata portata negli uffici della polizia in seguito alla denuncia di un furto.

Ci sono anche 3 funzionari della Questura di Milano come parti lese. I 3 funzionari sono il capo di gabinetto Pietro Ostuni, e i funzionari Giorgia Iafrate e Ivo Morelli, che, secondo l' accusa, avrebbero subito pressioni dal premier Berlusconi che nella notte tra il 27 e il 28 maggio scorsi chiamò negli uffici di via Fatebenefratelli per ottenere il 'rilascio' di Ruby. In linea teorica, la presidenza del Consiglio potrebbe costituirsi parte civile in rappresentanza del ministero dell' Interno che a sua volta è parte lesa in relazione sempre al reato di concussione contestato a Silvio Berlusconi.


Settimanale Famiglia Cristiana, per premier Berlusconi giudici donna, una nemesi  - "Allora, la sentenza in mano a tre signore. Viene subito in mente la nemesi. Tu, Berlusconi, delle donne ti sei servito, e in malo modo; le stesse donne faranno giustizia". E' questo il commento alla notizia del rito immediato per Silvio Berlusconi, che Famiglia Cristiana affida a un editoriale on line. "Con l'aria che tira - si legge nel testo - la notizia non è il rinvio a giudizio immediato. E' la composizione del collegio giudicante: tre donne".


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...