ITALIA, ENERGIE RINNOVABILI IN PERICOLO / Europa: ''incentivi troppo alti''. Governo Italia pronto ad ''ammazzare'' le rinnovabili. Ultime notizie - Roma - La bozza del decreto legislativo per il recepimento della direttiva europea 2009/28/CE mette in pericolo lo sviluppo delle rinnovabili nel nostro paese. L’appello del Kyoto Club.


La bozza di decreto legislativo per il recepimento della direttiva rinnovabili 2009/28/CE, che sarà approvata giovedì mattina dal Consiglio dei Ministri, rischia di bloccare tutto il comparto delle rinnovabili nel nostro paese.

«Doveva essere uno strumento per definire le modalità di raggiungimento degli obiettivi verdi al 2020. In realtà questo provvedimento - afferma Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club - rischia di paralizzare lo sviluppo delle rinnovabili in Italia».
 

Silvestrini sottolinea che «in realtà tutto fa pensare che alla fine si arriverà a un compromesso eliminando gli elementi negativi del provvedimento». Una situazione simile si era verificata già un paio di anni fa quando Tremonti tentò di eliminare le detrazioni fiscali del 55% e anche allora il governo tornò sui suoi passi.
 

«Il boom del fotovoltaico dell’anno scorso, causato dallo sciagurato decreto “salva Alcoa” e da incentivi effettivamente troppo elevati rispetto al calo dei prezzi degli impianti, ha indubbiamente giocato un ruolo importante », ha spiegato Silvestrini. 
 

A questo si sono aggiunti anche i sorprendenti numeri della produzione verde. «Anche se il valore definitivo della potenza degli impianti a fonti rinnovabili installati nel 2010 si saprà solo fra qualche mese – dice il direttore scientifico del Kyoto Club - si può stimare che tale potenza avrà una produzione potenziale di oltre 10 TWh all’anno. Cioè la potenza verde installata lo scorso anno è in grado di generare una quantità di elettricità analoga a quella che sarebbe ipoteticamente producibile nel 2022 dal primo dei reattori nucleari EPR che si vorrebbero installare in Italia».
 

Guardando all’esempio della Germania, dove nei giorni scorsi è stato approvato uno schema di riduzione degli incentivi fotovoltaici legato alla dinamica reale delle installazioni, Silvestrini conclude che «la crescita delle rinnovabili deve continuare concordando una ragionevole riduzione degli incentivi e rafforzando la diffusione in atto di un tessuto di imprese verdi».

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...