Carnevale Ronciglione, corse a vuoto, ultime news Tuscia - Apparteneva a una scuderia del rione Montecavallo di Ronciglione, il cavallo che è morto durante le qualificazioni della corsa a vuoto di carnevale. L'animale è andato a schiantarsi contro una transenna nella centralissima piazza della Nave, sotto lo sguardo raggelato del pubblico.

L'incidente non fa che riaccendere una lunga serie di polemiche che da anni stanno infiammando l'Italia, a causa delle numerosi morti di cavalli e fantini durante  i pali tradizionali italiani, su percorsi non adatti. La Corsa a vuoto di Ronciglione è una gara equestre tradizionale, ormai in uso soltanto a Ronciglione, dove i cavalli vengono fatti correre in un percorso stabilito senza fantino. Della prima corsa con i cavalli cosiddetti "scossi" si hanno notizie già a partire dal 1373 a Siena.

Le proteste degli animalisti, su questo tipo di corsa in particolare, sono sempre esistite, ma si sono rinforzate negli anni novanta a causa del dopaggio dei cavalli e il conseguente continuo aumento degli incidenti. La causa principale degli incidenti è dovuta alle condizioni non idonee alle corse. Il manto stradale moderno, difatti, accresce notevolmente i rischi di scivolare e cadere per gli animali.

La Corsa a vuoto di Ronciglione avrebbe dovuto essere soppressa già da tempo. Solo le continue deroghe concesse dalla Regione Lazio e dal ministero della Salute, hanno fatto sì che il palio continuasse a svolgersi.








Già nel gennaio 2011, l'agenzia GEAPRESS riporta  che i consiglieri della Regione Lazio, Rodolfo Gigli (UDC), Francesco Battistoni (Pdl) e Giuseppe Parroncini (PD), proposero una legge per il riconoscimento storico del Palio di Roncilione che ha come conseguenza, l’assoluta mancanza di tutela sui cavalli che potrebbero ferirsi o addirittura morire durante la corsa e la impunibilità degli organizzatori delle gare.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...