PRIMAVERA DI SUONI E IMMAGINI: Barbarano Romano, inaugurata la seconda edizione. Ultime notizie Tuscia -  Struttura portante dell’evento è la mostra di arti figurative “ FEMMINILINEE”, che si svolgerà nell’arco di tre fine settimana di marzo, fino al 27 - e le cui opere sono ispirate all’immagine femminile e la cui prima edizione, nel 2010, fu inaugurata presso il Teatro Eliseo di Roma. In questa seconda edizione, ambientata nella provincia di Viterbo l’obiettivo è valorizzare le opere di pittura, scultura, arte orafa e tessitura di alcuni giovani artisti attraverso una mostra che si snoda nelle sale del bellissimo museo archeologico etrusco di Barbarano Romano, dove l’antico ed il contemporaneo in un dialogo ideale, in un’antologia narrativa dimostrano assonanze tra opere apparentemente lontane fra loro e forniscono occasione di spunti di riflessione di fronte ad ogni forma d’arte.


Espongono gli artisti  Romina Farris pittrice, Lucia Giannini tessitrice, Valentina Napoli architetto, Cristina Severini pittrice, Paolo Sirianni scultore,  Arianne Soldini creatrice di gioielli, Ariela Testa scultrice, Daniele Zonetti scultore.


La mostra grazie alla sensibilità del Comune di Barbarano Romano alla collaborazione  dell’Associazione “ Barbarano Cultura “e di tutte le associazioni locali, al patrocinio dello stesso Comune di Barbarano, del Ministro della Gioventù, della Provincia di Viterbo, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, oltre al sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano, si dota di eventi correlati , quali concerti di musica sia classica che contemporanea, conferenze, manifestazioni e visite guidate alla Necropoli etrusca di San Giuliano e al Museo Naturalistico ed Etnografico.


Nel pomeriggio di domenica 13 marzo, giorno dell’inaugurazione due interessanti relazioni tecniche sulla cultura della comunicazione musicale da parte del Prof. Mario Morcellini, Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazioni della Sapienza Università di Roma e del Mo Stefano Vignati, Direttore Artistico del Festival Barocco di Viterbo e del Tuscia Opera Festival. E' seguito un recital del pianista Lorenzo Porta Del Lungo, che ha ammaliato il folto pubblico con musiche di R. Schumann e F. Chopin.


Sabato 19 marzo, dopo l’introduzione sui “Linguaggi reali e virtuali” dell’Ing. Andrea Paoloni della Fondazione Ugo Bordoni, si esibirà il pianista Vittorio Nocenzi (Banco del Mutuo Soccorso) con musiche tratte dal suo ultimo cd “Estremo occidente” ispirate da esagrammi de “I ching”.


I concerti  si svolgeranno nella Sala Sant’Angelo chiesa sconsacrata del 1200 annessa al Museo archeologico etrusco.


Particolarmente significativa appare la scelta, da parte degli artisti di esporre in un’area non metropolitana, ma molto rappresentativa dal punto di vista storico, ovvero in quella che fu anticamente una roccaforte longobarda ( l’ultimo re Desiderio ne curò la fortificazione ), animando con la mostra e le qualificanti perfomances dal vivo l’importante immagine del borgo e di tutto il comprensorio della Tuscia.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Domenica 7 luglio gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO L'ANTICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...