BASILICATA, NO A PARCO TECNOLOGICO ALIAS DEPOSITO SCORIE RADIOATTIVE: realizzato col fine di smaltire rifiuti radioattivi. Ultime notizie ambiente - Matera - n base al Decreto Legislativo n.31/2010 lo chiamano Parco Tecnologico, ma intendono dire deposito di scorie radioattive. Da buon Parco tecnologico, il centro Itrec alla Trisaia di Rotondella ha,  infatti, in progetto la realizzazione di due enormi capannoni per lo stoccaggio di rifiuti nucleari.
Mentre sulla localizzazione dei siti per le centrali atomiche italiane c'è uno stop da parte del Governo - indotto dall'apocalisse nucleare giapponese - il programma per la localizzazione del "parco  tecnologico" alias "deposito delle scorie radioattive" va avanti. Le consultazioni con le Regioni riprenderanno dopo il 23 marzo, data  fissata per l'approvazione del cosiddetto "decreto correttivo sul nucleare".

È quanto affermano la OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) ed il  Movimento NoScorie Trisaia, evidenziando come secondo Stefano Saglia,  sottosegretario per lo Sviluppo Economico, i depositi delle scorie  radioattive "sicuramente si faranno anche perché bisogna dare una  sistemazione definitiva ai rifiuti radioattivi derivati da attività  industriali, di ricerca e medico-sanitarie attualmente sistemati nei  depositi della Nucleco spa, nel centro ricerche di Casaccia".

Nei piani futuri stabiliti dalla normativa sul ritorno all'atomo in  Italia - riferiscono la OLA e NoScorie -  è prevista la costruzione di  un Parco Tecnologico comprensivo di un sistema per lo smaltimento a  titolo definitivo dei rifiuti radioattivi a bassa e media attività,  nonché di un deposito provvisorio per l'immagazzinamento dei rifiuti ad alta attività e del  combustibile irraggiato proveniente dall'esercizio degli impianti  nucleari. Il Parco Tecnologico, che verrà concepito come un centro di  eccellenza del settore, sarà "provvisorio" perché "la soluzione  geologica definitiva sarà studiata a livello internazionale".

In  proposito esiste un documento segreto predisposto dalla Sogin spa  considerato oggi come "studio preliminare". A differenza dei siti per le centrali atomiche, i pareri degli Enti locali e delle Regioni per  il "parco tecnologico" alias "deposito delle scorie radioattive" - in base al Decreto correttivo in approvazione il 23 marzo prossimo - non sarebbero vincolanti. Infatti, se da un lato la Consulta con una propria sentenza obbliga il Governo a sentire le Regioni sulla localizzazione delle centrali nucleari nel territorio nazionale, dall'altro il Governo rimarrebbe "svincolato" da qualsiasi parere degli Enti territoriali sul deposito nazionale delle scorie nucleari. 

La OLA e NoScorie ricordano, inoltre, come il DPCM 8 aprile 2008  (Governo Prodi) - inerente i "criteri per l'individuazione delle  notizie, delle informazioni, dei documenti, degli atti, delle  attività, delle cose e dei luoghi suscettibili di essere segreto di  Stato" - abbia di fatto esteso il principio della segretezza dei siti  militari ai siti "civili" di interesse energetico e di stoccaggio di  rifiuti anche radioattivi, il tutto a beneficio dei supremi e  imprescindibili interessi dello Stato ed ovviamente delle società  concessionarie come la Sogin spa.

Il documento di localizzazione del "parco tecnologico" alias "deposito per le scorie nucleari" della Sogin spa - in base al Decreto  Legislativo 31/2010 - potrà essere reso pubblico solo a seguito dei  criteri tecnici indicati dall'Agenzia internazionale per l'energia  atomica (AIEA), così come dovranno essere validati dall'Agenzia per la  sicurezza nucleare (ASN) recentemente insediata sulla base di  valutazioni derivati "da una procedura di valutazione ambientale  strategica sui parametri di idoneità alla localizzazione degli  impianti".

La OLA e NoScorie evidenziano come non sono note eventuali  osservazioni presentate dalla Regione Basilicata nell'ambito delle  procedure VIA del progetto Sogin per il Centro Trisaia di Rotondella,  attualmente presso il Ministero dell'Ambiente. Il progetto prevede la  realizzazione di un mega-deposito che risulta sovradimensionato rispetto alle esigenze di  messa in sicurezza dei rifiuti attualmente presenti. Per le aumentate  dimensioni esso potrebbe quindi far parte del cosiddetto "parco tecnologico" alias "deposito di scorie radioattive" ove stoccare il combustibile nucleare italiano riprocessato all'estero o per le scorie di I, II e III categoria, in attesa di localizzazione del deposito unico geologico. In proposito la Sogin spa  ha già provveduto a realizzare ingressi separati da quelli dell'Enea presso il Centro della Trisaia di Rotondella.

La OLA e NoScorie Trisaia, nel chiedere chiarezza e trasparenza alla Regione Basilicata ed al Direttore Generale del Dipartimento Ambiente, Donato Viggiano, già ex direttore del centro Enea di Rotondella, su quanto sta accadendo in Trisaia, invitano le amministrazioni locali ed  i cittadini a tenere alta la guardia sull'eventuale localizzazione in Basilicata del deposito unico nazionale delle scorie radioattive fatto assare con il termine "parco tecnologico", facendo così rientrare dalla finestra ciò che é uscito dalla porta nel 2003 a Scanzano Jonico, sempre in provincia di Matera.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FRANCIA TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...