La Passione di Cristo rivive nelle strade e nei borghi di Castel Sant'Elia. Un appuntamento di fede e spiritualità che la collettività castellese ha ritrovato dopo diversi anni, e che con grande entusiasmo ha rivissuto in occasione del venerdì santo. 

Un nutrito corteo di figuranti ha attraversato il centro cittadino accompagnato dalle preghiere dei fedeli, e la rappresentazione della passione di Gesù si è imposta solenne al centro della funzione liturgica. 


I costumi d'epoca, i figuranti, le veroniche in processione hanno reso l'ambientazione unica. Poi c'era il Cristo, con la sua pesante croce, e i soldati, che lo schernivano e lo deridevano, incuranti del pianto disperato di Maria addolorata.


Sarà forse perchè la rappresentazione della passione è mancata per alcuni anni a Castel Sant'Elia, e vivida era la nostalgia dei paesani, che numerosi sono stati i partecipanti. Il sindaco Rodolfo Mazzolini, la giunta, i rappresentanti delle forze dell’ordine hanno presenziato la solenne processione assieme a padre Riccardo e padre Adamo, della congregazione dei padri Micaeliti del santuario Maria Santissima Ad Rupes, alla banda, alle confraternite dei Santi protettori e della Madonna di Loreto, il cui supporto è instancabile negli anni.


Appassionante e ricca di pathos, la rievocazione della passione di nostro Signore è un appuntamento che la collettività ha riscoperto con vivo trasporto, e che è stata resa possibile grazie al fattivo contributo della famiglia Moretti che, negli anni, ha curato e sostenuto la manifestazione in molti suoi aspetti.

 

La Liturgia della Passione rappresenta il momento culminante della storia della salvezza, in cui Cristo consegna lo Spirito e attua il mistero della Redenzione. E' un momento di grande importanza per la cristianità e la sua rappresentazione ne è, senza dubbio, la manifestazione più vivida.

Alessandra Sorge

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...