CARABINIERI AGGREDITI NEL GROSSETANO, istituzioni concordi: necessaria una norma che disciplini i rave party. Ultime notizie - Grosseto - E' stata di inaudita ferocia l'aggressione che due carabinieri hanno subito ad un posto di blocco nel grossetano mentre svolgevano il loro servizio.
Brutalmente picchiati con calci e bastonate da quattro giovani che stavano prendendo parte ad un rave organizzato a pochi chilometri di distanza, ora uno di loro si trova in coma, mentre l'altro è fuori pericolo ma rischia di perdere un occhio.
Sul gravissimo episodio le istituzioni sono concordi: è necessario trovare il modo di regolare questi rave in cui droga e alcol  la fanno da padroni.

“L’iniziativa del Presidente della Regione Enrico Rossi  a seguito dell’aggressione dei due carabinieri di lunedì scorso ha il mio pieno sostegno e la mia piena condivisione.” E’ quanto fa sapere il Presidente della Provincia di Firenze dopo il tragico episodio di lunedì scorso che ha spinto il Presidente della Regione a sollecitare interventi legislativi di ordine sia nazionale che regionale.


“Una decisione da parte delle istituzioni non è più rimandabile – ha aggiunto il Presidente Barducci - e non c’è nessun rigurgito giustizialista nel chiedere che i responsabili dell’aggressione siano puniti e nel voler studiare un sistema che argini il più possibile le degenerazioni a cui troppo spesso portano i rave party. Credo invece che ci sia un vero desiderio di intervenire e una forte assunzione di responsabilità da parte di Rossi”.

“Ha ragione il Presidente della Regione nel ritenere essenziale sia che il governo disciplini i rave party in termini di ordine pubblico e sicurezza, sia che si consenta alle istituzioni locali, tramite una normativa regionale, di poter effettuare il controlli e la prevenzione necessaria ad impedire che si ripetano episodi del genere”.

“Torno a ribadire che quello che è accaduto – ha concluso Barducci - è un episodio estraneo alla cultura della nostra gente, ma che purtroppo ci mette in guardia nei confronti di quelli che giustamente Rossi ha chiamato segni di regresso, e di uno smarrimento, aggiungo io, a cui dobbiamo cercare in ogni modo di dare una risposta culturale, oltreché normativa, senza per questo giustificarlo. La libertà di riunirsi e di divertirsi non può portare all’annullamento di qualsiasi regola e meno che mai di se stessi, e non è pensabile che lo Stato e le forze dell’ordine non abbiano la possibilità di intervenire in situazioni in cui si consumano droghe solo perché queste si svolgono in proprietà private”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...