REFERENDUM GIUGNO, Radio Rai cancella programma su Referendum. Clamoroso attacco alla democrazia. Ultime notizie - Roma - Quanto accaduto ad un programma Radio Rai di qualche giorno fa rende un quadro piuttosto chiaro di quale sia la strategia messa in campo per ammazzare il referendum del 12-13 giugno 2011.

Mariachiara Alberton, ricercatrice che si occupa di diritto ambientale e di risorse idriche, doveva intervenire al programma per parlare appunto sulla privatizzazione dell'acqua e chiarirne meglio le implicazioni giuridiche, per l'appunto uno dei temi centrali del suddetto referendum.

Il suo intervento, programmato da ormai due settimane, è stato cancellato all'ultimo momento insieme a tutto il programma, a causa di una circolare RAI che con effetto immediato vietava a qualunque programma della RAI di toccare l'argomento fino a giugno.

"Questo è un piccolo esempio delle modalità con cui 'il servizio pubblico' viene messo a tacere" - ha dichiarato Mariachiara Alberton - "e di come si boicotti pesantemente la possibilità dei cittadini di essere informati e di intervenire (secondo gli strumenti garantiti dalla Costituzione) nella gestione della res publica. Di fronte a questa  ennesima manifestazione di un potere esecutivo assoluto che calpesta non solo quotidianamente le altre istituzioni, ma anche il popolo italiano di cui invece si fregia di esser voce ed espressione, occorre riappropriarci della nostra voce prima di perderla definitivamente.
Il referendum è evidentemente anche questo!"




RICORDATEVI CHE DOVETE PUBBLICIZZARLO VOI IL REFERENDUM... perchè il Governo non farà passare gli spot nè in Rai nè a Mediaset.
Si ricorda che il referendum passa se viene raggiunto il quorum. E' necessario che vadano a votare almeno 25 milioni di persone.


Commenti

sono molto preoccupata dalla classe dirigente di questo paese; dov´è finito il buon senso
commento inviato il 14/05/2011 alle 6:25 da claudia  
le stanno provando tutte per non farci votare. mi danno il voltastomaco. tutte le menate sulla moratoria al nucleare altro non è che uno squallido tentativo del governo di ammansire le coscienze in attesa di ritirare fuori l´opzione nucleare (e la privatizzazione dell´acqua, ovvio) tra un anno. la posta in gioco è molto alta. ma dopo lo tsunami elettorale di ieri sono un pò meno pessimista. In Italia, forse, c´è ancora gente che pensa. Abbasso berlusconi e tutti le persone(se cosi le vogliamo chiamare) che fanno politica(e soldi) sulla nostra pelle.
commento inviato il 17/05/2011 alle 8:52 da patrizio  
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? / ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Scrive anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...