Il Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia aderisce all'evento europeo  ''La Notte dei Musei''. Il 14 maggio, porte aperte dunque gratuitamente in orario serale e notturno, per permettere di visitare in tutta tranquillità  l'affascinante museo dedicato alla grande civiltà  degli Etruschi.

Un'occasione da non lasciarsi sfuggire per ammirare, oltre all'oro degli Etruschi, meravigliosi vasi di Etruria e Grecia, imponenti sarcofagi, i famosi Cavalli Alati e alcune tombe dipinte etrusche a suo tempo ricollocate nella loro grandezza naturale in una sala del Museo.   

In occasione della notte dei musei il Museo Archeologico di Tarquinia rispetterà  un'apertura non-stop dalle 8,30 di sabato 14 maggio fino alle 2 della notte del 15 maggio 2011. L'ingresso sarà  gratuito a partire dalle ore 20,00 all'una di notte (orario di chiusura della biglietteria). Il Museo potrà essere visitato fino alle ore 2 del 15 maggio.

Ricordiamo inoltre, che usualmente il museo rispetta il seguente orario: 8.30 -19.30 (chiusura biglietteria 18.30).

Info biglietteria: Museo Nazionale Archeologico, P.zza Cavour Tarquinia (VT), tel. 0766.850080


Il Museo Archeologico nazionale di Tarquinia, ricco di preziosi tesori, è ospitato presso il rinascimentale palazzo  Vitelleschi nel centro storico di Tarquinia. E nel mezzo del cortile si trova un pozzo ottagonale, su cui è scolpito in bassorilievo lo stemma dei Vitelleschi. Nei due ambienti al pianterreno, sono esposti importanti reperti funerari tra cui sarcofagi e sculture appartenenti a importanti famiglie etrusche.

Al primo piano è esposta una ricca collezione di reperti, che vanno dal periodo villanoviano a quello romano, con importanti testimonianze di pittura greca ed etrusca: vaso di Bocchoris (VII-Vl secolo a.C.), vasi greci a figure nere del VI secolo a.C. e attici a figure rosse.

Nella sala posta al secondo piano, che è stata finemente restaurata  e aperta al pubblico nel 2002, è possibile ammirare la famosa e armoniosa scultura dei cavalli alati. I cavalli alati rappresentano nel mondo intero l'eleganza dell'arte etrusca e il loro ritrovamento risale al 1936 nei pressi dell'Ara della Regina sita nell'antica Civita. Originariamente la scultura era collocata sul frontone del tempio dell'Acropoli.

In fondo al loggiato si possono ammirare le meravigliose pitture provenienti da quattro tombe: delle Bighe, del Triclinio, delle Olimpiadi, della Nave. Le tombe appartengono alla Necropoli di Monterozzi, patrimonio dell'Umanità Unesco.


www.necropoliditarquinia.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Viterbo, visite guidate. Ecco cosa vedere a “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alpi, estate di terapia, montagna ed acqua in Val di Sole

Le vacanze dei prossimi mesi estivi saranno caratterizzate dalla voglia di recuperare il contatto...

Sorano, altare prima del trono: nacque a Sovana il famoso Papa Gregorio VII

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tesori di Etruria: benvenuti al Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

TUSCIA: CIVITA DI BAGNOREGIO CANDIDATA UNESCO

Negli ultimi sette anni si sono registrati numeri in aumento di visitatori italiani e stranieri;...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...