RIFIUTI NEL LAZIO, pronto il grande bluff delle amministrazioni. A chi conviene tornare all'emergenza?
Ultime notizie Roma - Se fosse una partita di Poker, andremmo a vedere il punto con la certezza del bluff, tale levidenza dellinganno culturale proposto dalle Amministrazioni in questi giorni, tutte strette attorno alla paventata emergenza laziale in tema di rifiuti.


Ma noi non siamo giocatori dazzardo - dichiara Vanessa Ranieri Presidente WWF Lazio - soprattutto quando si tratta della compromissione dellambiente e quindi della vita e della salute dei cittadini e così preferiamo lattualissimo Seneca e la sua Medea. Chi vuole riportarci senza motivo nel Commissariamento, cui prodest? Già da oltre un anno avevamo intuito il rischio del grande bluff commissariale. Proprio il 22 giugno 2010 il WWF veniva ascoltato dalla Commissione Parlamentare dinchiesta sul ciclo dei Rifiuti nel Lazio, e già in quella sede appariva sempre più palese lintenzione trasversale, non motivata da esigenze reali, di riportare la Regione Lazio nellemergenza, così come manifestammo al Presidente Pecorella

Per tentare di dare una risposta investigativa degna della maga della mitologia greca si dovrebbe partire innanzitutto dal meccanismo di monopolio o oligopolio che lemergenza inevitabilmente riesce a sdoganare e garantire a vantaggio di pochi, ma anche e soprattutto in favore di quelle amministrazioni incapaci di programmare e pianificare con la lungimiranza dovuta e la trasparenza tipica dei procedimenti di pubblica evidenza.

Purtroppo però negli anni trascorsi non si è attuata una politica che, parallelamente allo stato emergenziale, costruisse una corretta gestione dei rifiuti e soprattutto un ciclo virtuoso verso la raccolta differenziata spinta o la Società del riciclaggio e del riuso (come ci chiede la Comunità Europea). Si è lasciata la Regione, in buona sostanza, in una situazione di monopolio.

Ed è per questo che il WWF da anni insiste nel chiedere lavvio della raccolta differenziata spinta domiciliare in tutta la regione con un modello come quello avviato nel quartiere romano di Colli Aniene e non con il sistema duale di recente adozione che ingenera confusione e porta inevitabilmente a risultati costosi e fallimentari.

Anche Napoli ce lo insegna: nella Municipalità di Bagnoli con la raccolta differenziata porta a porta si è arrivati al 91%, calo della tariffa e strade pulite.

Nel Lazio, anziché investire in prevenzione, riuso e raccolta differenziata porta a porta si pensa invece di indicare la soluzione del problema con la realizzazione di sei discariche. Ci si chiede a questo punto: ma se questi siti riceveranno, a dire delle Amministrazioni, rifiuti trattati la parte putrescente dove andrà a finire, non essendo state predisposte raccolta e strutture? E eclatante linconsistenza del ragionamento.

Nessuna discarica dovrà essere realizzata nel Lazio  conclude Ranieri  venga invece  avviata con urgenza la raccolta differenziata domiciliare spinta, realizzati i siti di compostaggio per cui sono stati già stanziati i fondi, ma soprattutto venga indicata immediatamente e con atto formale la reale capacità di Malagrotta: dal 2005 con il Piano di Adeguamento della discarica si sarebbe dovuta dichiarare per legge.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...