Orbetello - Grosseto - La Sala del Frontone piena, centinaia di persone che sulla piazza seguivano da un altoparlante il dibattito. Noi, firmatari di questa lettera, siamo vecchi militanti del movimento antinucleare del 1977; è stato per noi necessario tornare a quegli anni per trovare altrettanta partecipazione popolare e altrettanto entusiasmo.  Non c'è dubbio, la questione dell'Autostrada è per Orbetello un problema vitale. Il percorso che la Sat propone sopra l'Aurelia significa l'abbattimento di case e industrie, la chiusura di aziende agricole e l'eliminazione di agriturismi e campeggi.

Per centinaia di famiglie, una vera catastrofe.  Nel dibattito di giovedì il sindaco Monica Paffetti e il vice presidente Marco Sabatini, insieme agli altri partecipanti, hanno cercato di trovare una soluzione. Aveva assicurato la sua presenza anche Luigi Bellumori, sindaco di Capalbio, che, per un "improvviso contrattempo" non è potuto venire. È stato un peccato perchè l'Autostrada fa grandi danni a Orbetello, ma li fa anche a Capalbio, dove, accanto all'Aurelia, si prevedono circa 200 espropri. Ripetiamo: è stato un grande successo e una discussione aperta e approfondita.  Ci permettiamo un unico rilievo: il problema non si può affrontare solo da un punto di vista municipale. Da Civitavecchia a Rosignano, tutta la Maremma è minacciata. Bisogna che i maremmani imparino ad affrontare insieme questa grande minaccia.

Dove sono la Regione Toscana e la Regione Lazio che promettono benessere futuro ma di quello attuale non si curano? Noi, come Italia Nostra, abbiamo partecipato al dibattito insieme a molti comitati e abbiamo apprezzato l'impegno della Associazione Colli e Laguna che lo aveva indetto, così come la competenza e il coraggio dimostrati dalla Paffetti e da Sabatini. Avevamo una soluzione da proporre e quando da Italia Nostra è stata avanzata la proposta di rinunciare all'autostrada per mettere a posto l'Aurelia - come diciamo da più di venti anni- la Sala del Frontone è venuta giù dagli applausi.  I problemi sono di difficilissima soluzione e il caso di Orbetello lo dimostra. Far correre l'Autostrada sull'Aurelia, vicino alla Laguna, sarebbe lo sfascio dell'economia e del fascino paesaggistico di Orbetello.  Farla correre più all'interno, nelle colline, sarebbe molto più costoso e per il paesaggio altrettanto devastante. Ma è proprio necessario farla questa Autostrada? Dovunque in Maremma provoca disastri.

A Tarquinina passa accanto al meraviglioso centro storico e divide la città. A Montalto di Castro spacca addirittura il centro cittadino passandoci nel bel mezzo. Di Capalbio si è già detto e altro ci sarebbe da dire. Ad Albinia la cittadina viene isolata e separata da tutto. A Talamone si vuole approfittare dell'Autostrada per allargare il porto distruggendone il fascino. Ma è proprio necessaria questa Autostrada? Nel 1992 il ministro dell'Ambiente Giorgio Ruffolo aveva cancellato il progetto, per difendere la bellezza del paesaggio maremmano. L'allora sottosegretario ai Lavori pubblici, Antonio Bargone, che oggi è presidente della Sat, aveva portato avanti, in sede di legge finanziaria 1998, un indenizzo di 172 miliardi di lire alla Sat per la mancata realizzazione dell'opera. In cambio di questa cifra la Sat aveva rinunciato a tutti i suoi progetti sull'Autostrada tirrenica. Bargone aveva assicurato che questa rinuncia era definitiva, impegnandosi sulla sua parola d'onore.

Oggi non è più sottosegretario, e come presidente della Sat insiste per il Corridoio Tirrenico. Italia Nostra con la collaborazione del professor Antonio Tamburrino, esperto di trasporti, ha inviato alle autorità competenti una diffida. Sosteniamo che la Sat,tracciando il percorso e espropriando, assuma il ruolo tipico di un ente pubblico. Una società privata, cioè, deve essere responsabile verso i suoi azionisti e non può e non deve assumersi la tutela degli interessi pubblici.



di Nicola Caracciolo e Gianni Mattioli   Italia Nostra
pubblicato dal quotidiano della toscana Il Tirreno

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...