POLEMICA SUI FINANZIAMENTI,  associazione Erinna risponde alle dichiarazioni di Meroi. Ultime notizie Tuscia, Viterbo - Scrivo a quest’ora perché solo adesso riesco a vedere l’articolo che mi è stato suggerito di guardare. Oggi Erinna è stata impegnata nell’accoglienza alle donne da questa mattina fino a un paio di ore fa…


Mi dispiace, visto che non siamo mai entrate in polemica con le istituzioni, più per mancanza di tempo che per  volontà, dover dire che il signor Meroi  ha rilasciato delle dichiarazioni ambigue in quanto:

1. I  30.000 euro che sta erogando la provincia sono quelli del 2010, che erano in bilancio per il contributo al centro antiviolenza e che non volevano darci tanto è che per averli, visto che Erinna per il 2010 si era impegnata nell’accoglienza alle donne, si è dovuta fare la manifestazione del 14 febbraio 2011.

2. Alla manifestazione sono seguiti due incontri  con il signor Meroi  (fine febbraio e marzo 2011) che ci comunicava l’intenzione di mettere a bando il contributo per dare alle donne ospitalità, che noi non avevamo il requisito dell’ospitalità. Abbiamo risposto che senza finanziamento non si può avere il requisito dell’ospitalità…… se ci avessero dato il finanziamento adeguato i nostri requisiti sarebbero stati  più che adeguati.  Il presidente ancora era vago sull’entità del finanziamento del 2010 e abbiamo dovuto attendere per avere sicurezza di rientrare del contributo per l’anno trascorso. Le dichiarazioni alla stampa del signor Meroi , a seguito della sua visita al Centro, ci sembrarono  segno di una prospettiva di civile e costruttiva collaborazione – sempre rispetto al tema della violenza alle donne. 

3. La convenzione non è scaduta, come da clausola di convenzione è stata rinnovata nel 2009. Ci è stato comunicato con una lettera, giunta a noi il 15 giugno 2011, che la provincia recedeva dalla convenzione  a partire dal 01/01/2011. La convenzione scadrà, naturalmente, nel febbraio 2012. Il bando ancora non è uscito, che senso ha lasciare un “buco” per il 2011? È così che si ha” interesse per il beneficiario”? Se poi la vogliamo chiamare beneficiaria sarebbe meglio.

4. Non abbiamo mai obiettato alla decisione di fare un bando, lo riteniamo legittimo, però mi pare utopistico pensare di avere una casa rifugio per ospitalità con € 40.000. Un centro con ospitalità non può avere un budget inferiore a € 250.000. Basta fare due conti (affitto, personale, mangiare, necessità di spese per i minori che sono con le madri…). Noi abbiamo tentato di spiegarlo, ma vedo che non è stato recepito, se poi si vogliono fare le nozze con i fichi secchi a spese delle donne si faccia pure. Forse è una novità del bilancio appena votato perché non mi pare che ci fossero due finanziamenti differenziati e non mi pare neanche che la regione dia € 40.000, ma da notizie che ho di una decina di giorni fa mi sembra siano 20.000…. per l’ospitalità… il resto lo dovrebbe mettere la provincia!

5. Non so come possano asserire spudoratamente il falso: l’assessore Bianchini sottolinea, che “i fondi sono stati dati alla buona.. senza vedere se sul territorio esistono altre realtà…” non so dove fosse l’assessore nel 2006, può andare a trovare le carte che documentano la ricerca che ha fatto la provincia prima di stipulare la convenzione con noi. Noi, e non  ci risulta nessun’altra associazione contro la violenza alle donne l’abbia fatto, chiedemmo l’ennesimo aiuto. Fummo accolte e attendemmo che la ricerca per verificare l’esistenza sul territorio di altre analoghe associazioni, ricerca fatta anche sulle liste delle associazioni iscritte  all’albo della regione Lazio, fosse completata   per avere una risposta positiva. Per far capire: tutto iniziò nel maggio 2005 e si concluse nel febbraio 2006.. pensate siano stati dati alla buona?

6. Erinna ha deciso con un’assemblea sofferta di sospendere l’attività a nuove accoglienze. L’ha comunicato alla stampa, proprio perché non ha protettori politici e non ha cercato, mai, scorciatoie. La violenza alle donne non ha colore politico. Oggi sembra, dalle dichiarazioni del signor Meroi, che abbia qualche tinta. Noi come singole donne, operatrici, volontarie possiamo avere il colore che più ci piace e credo nessuno possa opinare il contrario, ma la violenza alle donne è un crimine che riguarda tutta la comunità e quello che è nato, esploso, intorno alla nostra decisione ci dà ragione della metodologia di lavoro, sia nella trasmissione culturale, sia nell’accoglienza alle donne, cioè donne che si mettono in relazione con altre donne, osservando  i principi fondamentali delle Raccomandazioni Internazionali riguardo la gestione dei Centri Antiviolenza e Case delle donne.  
Erinna ringrazia tutte e tutti coloro che si sono così manifestati per il Centro Erinna, non per un centro purché sia. Se poi le forze di opposizione si coordinano così in fretta, spontaneamente e all’unisono forse chi governa ha fatto un errore.


Anna Maghi
presidente associazione Erinna

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...