Manovra economica 2011, ultime notizie Italia - A
l via oggi le norme della manovra economica approvata in fretta e furia dal Parlamento e che sta trascinando con sé un lunga sequela di polemiche e la "ribellione" di alcune regioni italiane. Gran ritorno del ticket sanitario da 10 euro per prestazioni specialistiche, già presente in alcune Regioni, a cui si aggiunge quello da 25 euro, che verrà applicato sui "codici bianchi" del pronto soccorso, ossia per quelle richieste di intervento non strettamente necessari.

Alle Regioni comunque viene garantita la possibilità di decidere autonomamente se applicare il ticket di 10 euro (visite specialistiche) oppure no. Al momento il "ticket della discordia" entra immediatamente in vigore in Sicilia, Calabria, Basilicata,Lazio, Liguria, Lombardia e Veneto. Le Regioni che si sono fermamente opposte sono Sardegna, Toscana, Emilia Romagna e Valle d'Aosta.

Le nuove norme non andranno a toccare soltanto il campo sanitario, ma riguarderanno anche un aumento del bollo sul deposito titoli, un superbollo per le auto di lusso sopra i 225 kw, il rincaro dell'Irap sulle concessionarie dello Stato e un giro di vite sulle stock option. Rimane tutto invariato per chi possiede un pacchetto di titoli al di sotto dei 50 mila euro, con un pagamento di 34,20 euro l'anno. Oltre il tetto dei 50 mila euro bolli avranno un costo di 70 euro fino alla soglia di 150.000 euro di titoli, di 240 euro fino a 500 mila euro. Gli investimenti superiori a 500.000 euro avranno un bollo, da pagare sulle comunicazioni di 680 euro.

Nell'immediato futuro, ossia a partire dal primo agosto, partiranno i prelievi sulle pensioni d'oro. Le ulteriori normative sui tagli alle agevolazioni fiscali e assistenziali entreranno in vigore probabilmente nel 2013 e 2014.

Commenti

Come al solito a pagare siamo sempre gli stessi.Perche´ non cominciamo a dimezzare tutto partendo dalla Casta.Nella attuale situazione i consumi interni continueranno a calare deprimendo ancora di piu´l´economia del paese e lo stato incassera´ sempre di meno quindi si dovranno aumentare le tasse,e´ un circuito chiuso che si avvita su se stesso. Occorre dare lavoro ai giovani che sono il futuro dalla nazione,invece ai posteri lasceremo solo debiti.Andatevene tutti a casa,perche´ non siete in grado di governare e lasciate spazio ai giovani anziche´ inchiodarvi alle poltrone.
commento inviato il 17/07/2011 alle 2:39 da Eugenio La Marca  
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...