REGIONE LAZIO VERSO IL COMMISSARIAMENTO. per il WWF una sceneggiatura già scritta da tempo. Ultime notizie Roma - Nessuno conosce le reali motivazioni di una richiesta tanto infausta quanto inutile da parte di una Giunta Regionale al Consiglio dei Ministri. Addirittura lo stesso piano dei rifiuti, approvato dalla medesima Amministrazione,  faceva emergere chiaramente i numeri e i rapporti tra impiantistica e  produzione dei rifiuti, secondo i quali  anche nellambito di un possibile scenario catastrofista nessuna emergenza si sarebbe potuta verificare.


E evidente come la vicenda di Malagrotta non centri nulla - dichiara Vanessa Ranieri Presidente del WWF Lazio - Nessuna emergenza e nessun bisogno del Commissario, ma solo una scelta politica lontana dalla gente e non rispettosa della volontà dei cittadini di appartenere ad una società più civile e responsabile, che investe in riduzione dei rifiuti, in raccolta differenziata spinta, nella separazione, nel riciclo e riuso e non per converso che è resa schiava dalla volontà dei gestori di discariche e inceneritori,  che dora in poi detteranno le regole del gioco.

Daltra parte crediamo che chi non è in grado di gestire in amministrazione ordinaria, pianificando e programmando, secondo i principi di democrazia e trasparenza, mostri evidentemente linadeguatezza del proprio ruolo. A ciò non possono  che far seguito le dimissioni dalla presidenza di una regione che ha il diritto di essere ben amministrata e non commissariata su temi tanto delicati che riguardano ambiente e la salute delle popolazioni.

Larrivo di un Commissario esterno per risolvere la vicenda di Malagrotta è il segno del fallimento della Presidente Polverini e della sua Giunta e del Sindaco di Roma Alemanno.  Una Regione che ormai subisce passivamente le scelte del Governo in materia di sanità ora viene esautorata delle sue funzioni anche sul tema dei rifiuti. Non vorremo che l'emergenza fosse lo strumento atraverso il quale giustificare, senza alcun confronto, scelte dannose per i cittadini e per il territorio. Lo dichiarano Luigi Nieri e Filiberto Zaratti, Consiglieri regionali si Sinistra ecologia e libertà alla Regione Lazio. 

Tornare al commissariamento - aggiungono Nieri e Zaratti - è una sconfitta per le istituzioni e la democrazia, cancella qualsiasi processo di concertazione con gli enti e le comunità locali, esclude i cittadini, preoccupati per il futuro dei propri territori, da ogni  processo decisionale continuano a manifestare forti timori per il futuro dei propri territori. Siamo alle prese con una decisione incomprensibile e inadeguata.


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...