Il 30 Settembre alle ore 1.00 circa ,il consiglio comunale di Tarquinia ha approvato  la concessione di un’area pubblica,sita in via Giotto per l’installazione di un’antenna per l’esercizio di telefonia mobile a Telecom Italia S.P.A.

Dopo una carrellata di 13 punti all’ordine del giorno,riguardanti le spese fuori bilancio,il consiglio comunale nonostante sia tardi,arriva all’ultimo punto,il 14 appunto,quello riguardante l’installazione dell’antenna Telecom,in Via Giotto.

L’assessore Giancarlo Capitani relatore della pratica riguardante l’antenna,credendo di essere apprezzato per la sinteticità della sua esposizione,non ha risparmiato il pochissimo pubblico,data l’ora ,ad una serie di gaffe,inerenti la scarsa preparazione tecnica sul problema legato alle antenne di Telefonia mobile,quello legato all’inquinamento elettromagnetico e degli effetti sulla salute.

Nella sua esposizione ha tentato inoltre di minimizzare sulle dimensioni dell’antenna,dimenticando l’esistenza di una  unità di misura precisa e ha utilizzato le proprie mani per dire “alta tanto così”,per tranquillizzare la maggioranza,probabilmente perché responsabile del voto.

Il problema dell’inquinamento elettromagnetico è un problema serio e la letteratura scientifica ha ormai raggiunto anche i poco informati,soprattutto sul principio di precauzione che bisogna utilizzare per l’installazione delle antenne.

Nonostante la minoranza abbia discusso a lungo dell’opportunità di rinviare la votazione del punto,perché nei documenti in possesso dei consiglieri non vi erano le certificazioni ne tantomeno la scheda tecnica dell’antenna,nulla è valso dall’evitare che la maggioranza sindaco compreso,medici ospedalieri compresi,non lasciassero sgomenti i presenti con precisazioni circa l’assoluta innocuità delle antenne di telefonia cellulare gsm umts.

Il consigliere Tosoni ha presentato una mozione urgente con cui si chiedeva il rinvio della discussione in attesa di approfondire la documentazione tecnica ,la presa in visione del documento più importante ,quello del piano di dislocazione delle altre antenne insistenti nel comune di Tarquinia,portando in primo piano la preoccupazione della mancanza di una V.I.A. e della vicinanza di una scuola e di insediamenti commerciali ad alta densità di frequenza.

Incredibilmente,senza esibire un solo documento a supporto della tutela alla salute,senza esibire un documento tecnico della potenza dell’antenna,il consiglio comunale ha deciso di procedere alla firma del contratto con Telecom per incassare il canone fissato.

Ormai,non c’è più sorpresa,nelle decisioni istituzionali dell’amministrazione del sindaco Mauro Mazzola non c’è più preoccupazione per la salute,solo procedure veloci,dove almeno ultimamente vi è anche la costante “economica”,portando sempre più tristi motivazioni di tranquillità collettiva.

Il comitato dei cittadini liberi,dinanzi a tutto questo orrore non può far altro che stimolare la cittadinanza a partecipare più attivamente alla vita politica del nostro paese,perché è necessario vigilare sull’operato delle amministrazioni che grazie alla delega dei loro cittadini,esercitano nel consiglio comunale e prendendo decisioni che potrebbero,purtroppo diventare  irreversibili.

Il comitato dei cittadini liberi

comitatocittadiniliberi@yahoo.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...