DROGA, GROTTE DI CASTRO (VITERBO). Angelo Benfante, maresciallo dei Carabinieri, in carcere col fratello Enzo. Ultime notizie Tuscia - La notizia ha del clamoroso: ritrovate 17 piante di marijuana in un sottotetto attiguo alla casa del maresciallo Angelo Benfante, comandante della caserma dei Carabinieri di Grotte di Castro.

Suo complice, in questa vicenda, il fratello Enzo che, stando a quanto avrebbe dichiarato il comandante dei Carabinieri, sarebbe stato l'ideatore del tutto.
Non solo, il maresciallo dei Carabinieri avrebbe tentato più volte di far desistere il fratello, ma questi si sarebbe sempre rifiutato di interrompere l'opera.
Non avevo il coraggio di arrestare mio fratello", avrebbe dichiarato Angelo Benfante agli inquirenti che lo hanno interrogato al carcere di Mammagialla.
I due fratelli, uno Carabiniere e l'altro DJ, sono stati entrambi arrestati detenzione e coltivazione di canapa indica.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 2 giugno gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...