Trasporto Macchina di Santa Rosa, ultime notizie Viterbo -  Maxi schermi
pronti per il trasporto della macchina. Come consuetudine, per non perdere nemmeno un minuto dell'evento, saranno allestiti da Provideo alcuni maxi schermi con amplificazione nei seguenti punti del centro storico: Piazza del Plebiscito, Piazza Verdi, Largo Facchini di Santa Rosa (basilica), Piazza Unità d'Italia e Piazza della Repubblica. Quest'ultimo sarà affiancato da un interprete della lingua dei segni.

Fonte:Ufficio Stampa Comune di Viterbo


1 Settembre 2011 - Festa di Santa Rosa, ultime notizie Viterbo -
A pochi giorni dal trasporto della macchina di Santa Rosa, fervono i preparativi per l'attesissima sera del 3 Settembre. Anche quest'anno si ripete il tradizionale appuntamento con la festività più attesa dell'anno che ha fatto conoscere Viterbo in tutta Italia e nel mondo. Al suo terzo anno di vita, "Fiore del Cielo" è un campanile mobile di 30 metri di altezza e circa 50 quintali di peso, realizzato di materiali facilmente trasportabili come la vetroresina e la cartapesta e illuminato con candele e luci elettriche.

La macchiana inizierà il suo percorso poco dopo le ore 21.00, quando i facchini, 100 uomini che con la loro uniforme bianca con la fascia rossa in vita e la loro prestanza fisica, dimostreranno, come ogni anno, la loro devozione alla santa. La magia e il fascino della macchina di Santa Rosa, con la sua caratteristica illuminazione esaltata dal buio che si diffonde nelle vie della città, si snoderà in un percorso di poco più di un kilometro, che inizia dalla chiesa di San Sisto, vicino Porta Romana e termina davanti alla Basilica di Santa Rosa.

Dopo le tradizionali soste di Piazza Fontana Grande, Piazza del Comune, Piazza delle Erbe, Via del Suffraggio e Piazza del Teatro anche quest'anno la folla, che accompagna i facchini nel trasporto della macchina, potrà assistere al momento di maggiore fascino, quando i facchini, incitati dal capo facchino dovranno mettere tutto il loro cuore, oltre alle loro gambe, alle loro schiene e alle loro braccia, per lo strappo finale: gli ultimi metri da effettuare di corsa e in salita prima di arrivare al santuario.


Il trasporto della macchina di Santa Rosa festeggia la Santa Patrona della città vissuta nel XIII secolo: la cerimonia ha origine nel 1258 anno in cui, il 4 Settembre, il papa Alessandro IV impose la traslazione dei resti mortali della santa dalla chiesa di Santa Maria in Poggio al Santuario a lei dedicato. Negli anni successivi si volle ripetere quella processione portando un'immagine illuminata della santa su un baldacchino e facendo diventare l'evento di dimensioni sempre più colossali nel corso del tempo. Fino allo scorso Luglio, quando la manifestazione ha ricevuto il ricoscimento di "Patrimonio d'Italia", riservato alle eccellenze nazionali nel campo della cultura e del folklore, in grado di generare anche consistenti flussi turistici.   




Il trasporto che unisce tradizione popolare e afflato religioso si celebra quest'anno di Sabato e prevede, quindi, un eccezionale afflusso di partecipanti e turisti. Oltre ai tradizionali eventi collaterali del Corteo Storico, in programma per Venerdì 2 Settembre, e della Fiera prevista nelle vie del Centro per Domenica 4 Settembre, i festeggiamenti sono arricchiti da altre interessanti iniziative. I facchini hanno infatti partecipato oggi a "Rosa: il colore della solidarietà", appuntamento che li ha visti presenti al reparto di Pediatria dell'ospedale Belcolle di Viterbo dove hanno portato in dono ai giovani pazienti giocattoli e altri divertimenti.

Movimentate anche le notti di oggi e di domani, 2 Settembre, che vedranno le vie del centro animarsi grazie a "Notte Rosa 2011", l'evento che arricchisce le vie del centro storico con presentazioni di libri, degustazioni e stand enogastronomici, concerti e rassegne musicali di cover band e gruppi di musica rock e jazz.


S.C.



Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Altare prima del trono: nacque a Sovana Gregorio VII, Papa che cambiò la storia

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: prosegue “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...

Fiumicino miglior aeroporto d'Europa nel 2019

L’aeroporto di Fiumicino si è visto attribuire dall’Airports Council International il premio...

San Gregorio VII, il Papa che umiliò l'Imperatore, torna a Sovana il 22 febbraio

Con la festa della Presentazione al tempio di Gesù è iniziato ufficialmente nei giorni scorsi...