Manovra Economica 2011, Ultime Notizie - Ascoltato il monito di Giorgio Napolitano, che proprio ieri aveva richiesto misure più efficaci nei recenti provvedimenti economici. Dal vertice di maggioranza di ieri, svoltosi nella residenza del premier Silvio Berlusconi, a cui hanno partecipato il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, il sottosegretario Gianni Letta, il ministro della Semplificazione normativa Roberto Calderoli, il capogruppo alla Camera dei deputati Pdl Fabrizio Cicchitto e quello dei senatori Maurizio Gasparri, oltre al capogruppo della Lega al Senato, Federico Bricolo, esce l'ennesimo rimpasto della manovra economica bis che sarà presentato al Senato con un maxi-emendamento alla manovra stessa e sul quale il governo porrà la fiducia, al fine di blindare il testo e chiudere rapidamente i giochi, evitando il dibattito parlamentare.
 
Il pacchetto di nuove misure messe in campo dal governo riguarda soprattutto l'Iva: un punto in più sull'aliquota che passa dal 20% al 21% e toccherà moltissimi beni dalle auto ai giocattoli fino ai cd e al vino. La norma farà cassa subito, non sarà limitata a 3 mesi, come aveva inizialmente ipotizzato il premier e andrà a migliorare i saldi pur uscendo automaticamente dalle possibili norme per la riforma fiscale. Ripristinato poi un contributo di solidarietà del 3% per i super-ricchi, tutti coloro che hanno un reddito superiore a 300000 euro l'anno: sono circa 34000. La misura è estesa anche ai dipendenti pubblici  che erano già stati sottoposti al taglio dello stipendio (5% oltre i 90.000 euro e 10% oltre i 150.000), e peserà sul reddito complessivo: da lavoro dipendente ed autonomo o di impresa, da capitale e anche da reddito fondiario; resta esclusa la prima casa.

Dal 2014 previsto anche l'aumento dell'età pensionabile a 65 anni per le lavoratrici del settore privato. Possibili ritocchi al provvedimento che, in una delle stesure precedenti della manovra, prevedeva l'impossibilità di chiedere la sospensione condizionale della pena nel caso di evasione superiore ai 3 milioni di euro. La norma è sostanzialmente addolcita poichè l'evasione non solo dovrebbe ammontare a questa cifra per portare all'arresto immediato dell'evasore, ma dovrebbe anche corrispondere anche al 30% del fatturato. Allo studio degli esperti dei ministeri anche i provvedimenti per l'immediata abolizione di tutte le province.

Simone Casavecchia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...