Cambiamenti climatici, proteggere la salute degli europei, ultime notizie - Esiste ormai un consenso generale sul fatto che i cambiamenti climatici colpiscono la salute intervenendo direttamente sui modelli meteorologici (per esempio con l’aumento della frequenza e dell’intensità degli eventi estremi) e provocando indirettamente modifiche alla qualità dell’acqua, dell’aria, alla quantità del cibo, agli ecosistemi, all’agricoltura e alle infrastrutture.
Per fornire informazioni sulla situazione attuale, fare previsioni per il futuro e stimolare la preparazione dei sistemi sanitari alle conseguenze del riscaldamento globale, l’Oms Europa ha pubblicato recentemente il rapporto “Protecting Health in Europe from climate change”.
 
Il rapporto è strutturato con modalità particolarmente attente all’efficacia comunicativa, con evidenti finalità divulgative. Ogni tema affrontato è introdotto da alcune domande [“Qual è il problema?”, “Cosa ne sappiamo?”, “Quali sono le risposte possibili?” oppure “Come ci possiamo adattare?”, e dalle relative risposte.
 
Il clima sta cambiando
 
Negli ultimi anni molti Paesi dell’Unione europea hanno registrato un aumento di episodi come ondate di calore, alluvioni e siccità e i cambiamenti climatici sono direttamente collegati alla frequenza e alla gravità di questi eventi. Per il futuro ci si aspetta un ulteriore incremento della temperatura, con conseguenze quali la fusione dei ghiacciai e del permafrost, la crescita del livello del mare e l’aumento degli episodi di precipitazioni violente.

Secondo il rapporto, in particolare ci si aspetta:
 
· in nord Europa un aumento delle temperature minime invernali, delle precipitazioni annuali e della frequenza degli eventi di precipitazione estrema;
· in Europa meridionale e centrale, un aumento delle temperature estive superiori alla media, una diminuzione delle precipitazioni annuali (ma senza la riduzione degli eventi estremi) e un aumento del     rischio di eventi siccitosi e delle condizioni di stress idrico;
· in Asia centrale un anticipo del riscaldamento al di sopra della media globale, il rischio di un aumento delle frequenza degli eventi di siccità, lo stress idrico e la diminuzione della disponibilità di colture nelle aree aride e semi-aride;
· nell’Artico un anticipo del riscaldamento al di sopra della media globale e, secondo alcune previsioni, la fusione quasi totale dei ghiacci marini estivi verso la fine del Ventunesimo secolo e un rapido scioglimento dei ghiacci permanenti.
 
Le persone più colpite
 
Le popolazioni più a rischio per i cambiamenti climatici sono quelle che vivono nelle grandi città, più esposte all’inquinamento, e quelle che vivono nelle aree montuose o costiere, ad alto rischio idro-geologico. Poveri, giovani, anziani e malati, in qualunque Paese o area si trovino, rimangono categorie più a rischio rispetto al resto della popolazione.
 
Gli effetti sulla salute
 
Quello che l’Oms si aspetta per i prossimi anni è che i cambiamenti climatici colpiscano la salute di milioni di persone. Gli esperti individuano in particolare una serie di pericoli tra cui:
 
·         l’aumento dell’impatto che le ondate di calore hanno sulla salute;
·         l’aumento di effetti negativi per la salute determinati dal freddo;
·         l’aumento dell’impatto delle inondazioni;
·         l’aumento della malnutrizione;
·         il cambiamento delle caratteristiche delle malattie legate al cibo;
·         il cambiamento della distribuzione delle malattie infettive e il potenziale contributo
          all’estensione di specie patogene tropicali e subtropicali;
·         l’aumento dell’impatto delle malattie legate all’acqua, soprattutto nelle popolazioni in
          cui l’acqua, la sanità e l’igiene personale sono già scarse;
·         l’aumento della frequenza delle malattie respiratorie a causa delle maggiori
          concentrazioni di ozono a livello del suolo nelle aree urbane e dei cambiamenti nella
          distribuzione dei pollini.
 
Come i sistemi sanitari possono affrontare i cambiamenti climatici?
 
Di fronte ai cambiamenti climatici i sistemi sanitari devono adattarsi alle nuove esigenze di salute della popolazione. La distribuzione dei servizi e la preparazione agli eventi estremi sono due elementi fondamentali per far fronte al riscaldamento globale. Gli addetti al settore sanitario dovranno essere i primi a essere preparati nella prevenzione, individuazione e risposta agli effetti del clima che cambia e le famiglie dovranno sostenere spese sanitarie maggiori.
 
Tra le azioni da portare avanti per far fronte ai cambiamenti climatici l’Oms Europa mette in particolare in evidenza:
 
·         il rafforzamento della sicurezza sanitaria;
·         il sostegno alla sanità da parte degli altri settori;
·         la condivisione di buone pratiche con azioni intersettoriali;
·         il potenziamento della forza lavoro sanitaria;
·         lo sviluppo di sistemi d’indagine e di comunicazione;
·         dare il buon esempio rendendo eco-sostenibili i servizi sanitari.


A cura di Accademia Kronos
(Tradotto e compendiato da Filippo Mariani)

 

 

Commenti

Chidiamo ai nostri governanti di fare leggi per la salvezza dell´ambiente, per la prevenzione degli incendi e delle alluvioni. E´ un loro preciso dovere e sono pagati profumatamente anche per questo. Veronica
commento inviato il 08/09/2011 alle 0:23 da Veronica  
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...