Il piano dei rifiuti, per la Provincia era un dovere adottarlo. Perché ci permette di risolvere il problema della gestione e affrontare l'emergenza. Credo che in questo modo abbiamo messo il territorio nelle condizioni avere un mezzo di programmazione da usare anche come metodo di lavoro con gli altri enti. La Regione Lazio ha deciso di concludere il regime commissariale e approdare a quello ordinario. E' una scelta consapevole per dare al territorio gli strumenti per la gestione. E' dunque giusto - anzi, decisivo - che la Provincia si doti di uno strumento efficace come il piano.

I dati riportati, è vero, sono in continua evoluzione, ma ciò non vuol dire che non si debba mai mettere un punto da cui partire. E noi ne abbiamo messo uno fermo, in modo che la Provincia abbia elementi per gestire un tema così complesso. La raccolta differenziata, oltre ad essere un obbligo di legge, è un obiettivo politico e strategico. E anche di civiltà e qualità della vita. Puntiamo sul porta a porta, che ben si confà alle caratteristiche del nostro territorio. E' però indispensabile lavorare sulle infrastrutture per innescare l'incremento della raccolta differenziata. Scelta sostanziata nell’ultimo bilancio con un impegno di un milione di euro, con l'accensione di un mutuo entro l'anno.

Poi c'è il bando a cui hanno partecipato molti Comuni. E' un fatto non solo amministrativo, è anche politico e culturale. Quindi c'è la chiusura del ciclo dei rifiuti: chi dice che è contrario al fatto che il capoluogo riceva ancora quelli di Rieti deve assumersi le proprie responsabilità. Noi lo facciamo, anche con un impianto a basso impatto. Abbiamo individuato la tecnologia che ci pare più adeguata: quelle innovative sulle quali ci siamo basati sono le stesse individuate nel documento redatto dal governo Prodi. Da lì abbiamo scelto, ma senza precluderci la possibilità di cambiare di fronte ad eventuali ulteriori evoluzioni.

Non sono tecnologie campate in aria ma sperimentate: esistono esempi che si possono verificare. Dalla minoranza sono arrivate posizioni di apprezzamento per i contenuti del piano: se è vero che è fatto bene, la questione dunque non è cambiarne il titolo. Non c'è stata comunque alcuna preclusione, semmai solo la volontà di concludere il percorso. Il documento è stato condiviso con territorio, le organizzazioni di categoria, il consiglio, crediamo quindi sia patrimonio di tutti. E' un piano avanzato che merita rispetto e ci consente di guardare al futuro con la schiena dritta per fare gli intereressi del nostro territorio. Per questo vorrei ringraziare tutti coloro che hanno lavorato alla sua realizzazione.

Alessandro Mazzoli
Presidente della Provincia di Viterbo

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...