NAPOLITANO SUL TURISMO: SERVONO STIMOLI.  Giorgio Napolitano a ''Le città della Cultura'' - ultime notizie Roma - "Stimolare il dinamismo e il livello competitivo" delle attività legate al turismo con proposte "attente al massimo rigore nell’utilizzazione delle risorse finanziarie disponibili", sollecitando "le istituzioni centrali e territoriali, le imprese e le associazioni culturali ad agire in stretta collaborazione tra loro". È l’appello lanciato dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al presidente di Federculture, Roberto Grossi per la sesta Conferenza nazionale degli assessori alla Cultura e al Turismo.

"Nell’attuale difficile fase economica, nazionale e internazionale, è più che mai necessario – sottolinea il Presidente della Repubblica – valorizzare lo straordinario patrimonio naturale, storico e artistico che è caratteristica peculiare della nostra identità, garantendone la conservazione e la tutela, secondo i principi sanciti dalla Costituzione, e promuovendo misure che possano migliorarne la fruibilità e creare nuove opportunità di sviluppo e di occupazione".

La Conferenza nazionale, intitolata “Le Città della Cultura”, si è svolta all’Auditorium di Roma giovedì e venerdì scorso. L’obiettivo del summit biennale – promosso da Federculture, Anci, Upi, Conferenza delle Regioni e Legautonomie, insieme a Comune di Roma, Provincia di Roma e Regione Lazio – è aprire un dibattito sui grandi temi della cultura e del turismo, incoraggiando il dialogo tra le istituzioni, gli operatori, i privati e le imprese per evidenziare problemi, soluzioni e assunzioni di responsabilità.

L’appuntamento capitolino ha acceso i riflettori sul turismo culturale, come motore dell’intero settore in Italia. Nel 2010 l’occupazione delle camere nelle città d’arte ha registrato un aumento del 3,3%, mentre nelle destinazioni balneari si è avuto un calo del 5,1%.

Gli introiti derivati dalla spesa dei turisti nei centri d’interesse culturale-artistico sono stati di 8,6 miliardi di euro, con un balzo in avanti del 4%. Lo stesso dato è in diminuzione sia per le vacanze al mare che per quelle in montagna, rispettivamente in calo dell’1,5 e del 6,7%.

“I turisti culturali – si legge in una nota – sono, inoltre, quelli che spendono di più: mediamente 109 euro al giorno, contro i 68 di un turista balneare”. Di contro, gli Enti locali hanno messo in luce come l’Italia abbia perso la leadership mondiale che deteneva negli anni ’70. “Oggi – spiegano – siamo la quinta nazione per arrivi internazionali dopo Francia, Stati Uniti, Cina e Spagna. Ma secondo il World Economic Forum ci collochiamo al 27° posto nella classifica mondiale stilata in base alla competitività”. Da qui, la richiesta al governo di tornare a investire nel turismo culturale.


Fonte:
logo fonte


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Sorano, altare prima del trono: Sovana dette i natali a Papa Gregorio VII

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Viterbo, visite guidate Tuscia. Cosa vedere a “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alpi, estate terapeutica, montagna e acqua nella Val di Sole

Le vacanze dei prossimi mesi estivi saranno caratterizzate dalla voglia di recuperare il contatto...

TUSCIA: CIVITA DI BAGNOREGIO CANDIDATA UNESCO

Negli ultimi sette anni si sono registrati numeri in aumento di visitatori italiani e stranieri;...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...

Fiumicino miglior aeroporto d'Europa nel 2019

L’aeroporto di Fiumicino si è visto attribuire dall’Airports Council International il premio...