Da una parte sono compiaciuto e divertito nel vedere riportata dagli organi di informazione la crisi di panico accompagnata dall’ormai consueto ballo rituale della Pizzica o Taranta messi in scena ieri mattina dal sindaco pro tempore Gianni Moscherini sui temi del diportismo e della Frasca.
È il panico di chi vede sgretolarsi a contatto con le corrette procedure amministrative e con le normative vigenti le deliranti mire espansionistiche proclamate negli ultimi tre anni ed esclusivamente frutto, per fortuna, della fantasia intrisa di un’inaccettabile ignoranza di norme, autorizzazioni, prescrizioni e strumenti di pianificazione. Panico e consapevolezza che il ticket del parcheggio grattato poco più di un anno fa per sostare a Palazzo del Pincio garantisce al massimo altri dodici-quindici mesi per causare danni irreparabili alla città e al territorio. Di contro sono indignato e preoccupato nel constatare come si continui a vendere fumo e carpire la buona fede della cittadinanza e, in particolare, dei diportisti locali. Senza ignoranza amministrativa il porticciolo destinato ad ospitare le imbarcazioni attualmente dislocate alla Mattonara e alla Buca di Nerone sarebbe già in via di realizzazione e la pineta correttamente riqualificata.
Sono più che indignato se penso al disprezzo dimostrato nei confronti dei civitavecchiesi che con le loro barchette renderebbero il porto storico “un immondezzaio”.
Rimando alla conferenza stampa programmata per domani dall’opposizione consiliare l’esposizione delle proposte reali a vantaggio e a tutela di tutti. Tutela in primo luogo dai pericolosissimi interessi che hanno puntato l’ultimo tratto di costa rimasto libero.
Nel frattempo il mio appello è di riservare al signor Moscherini l’ascolto che merita, cioè quello che si concederebbe a chi propone di realizzare un porticciolo sui Monti della Tolfa.
Se nel frattempo il sindaco pro tempore volesse omaggiarci delle sue dimissioni, farebbe un atto nell’interesse della collettività da quando il destino cinico e baro ha deciso di precipitarlo nella nostra, già sofferente, Civitavecchia.


Alessandro Manuedda
Capogruppo Verdi Consiglio Comunale di Civitavecchia

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...