Sovrapprezzo per la casta politica nei locali di Napoli, ultime notizie -
Contraddistinti dalla solita originalità i napoletani questa volta hanno studiato una bella iniziativa per protestare contro gli esagerati privilegi della casta politica. Per gli onorevoli, infatti, alcuni locali di Napoli hanno introdotto un sovrapprezzo, arrivando così a far pagare una pizza la "modica" cifra di 100 euro.


Il primo politico a pagare il sovrapprezzo pizza anticasta è stato l'onorevole Sergio D'Antoni del Pd, che aveva mangiato pizza e friarielli presso la pizzeria Sorbillo. I cento euro sborsati dal parlamentare verranno donati dal titolare della pizzeria, Gino Sorbillo, a un centro di aiuto per i poveri. "Mi spiace per l'onorevole D'Antoni - ha detto Sorbillo - ma finché non si leveranno i privilegi della casta io e tanti altri commercianti li 'bastoneremo' con il conto. Adesso aspetto il ministro La Russa. Se si presenta gli chiedo mille euro per un pizza perché in piena crisi economica ha acquistato con il suo Ministero 19 Maserati. Questi personaggi vanno fermati perché non hanno ritegno" ha concluso.

 "Sabato 29 ottobre intorno alle 22.30 - hanno raccontato i promotori della protesta contro la casta, il commissario regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e lo speaker radiofonico Gianni Simioli - Sergio D'Antoni si e' recato nella nota pizzeria ai Tribunali. Forse non sapeva del prezzo per i deputati o forse ha ritenuto giusto pagare di più. Fatto sta che i clienti del locale l'hanno riconosciuto e hanno chiesto al titolare, che non lo aveva notato, di praticare il sovraprezzo per i deputati che è segnalato in grande evidenza all'ingresso del locale". Secondo quanto riferito da Borrelli e Simioli, D'Antoni  "non ha battuto ciglio e ha pagato il salatissimo conto per una pizza 'salsiccia e friarielli', che probabilmente gli rimarà per sempre sullo stomaco. Siamo solo all'inizio".

A Napoli sono già 30 i locali che hanno aderito alla campagna contro la casta e i sovrapprezzi sono degni dei loro privilegi: caffé 90 euro, panini 350 euro e così via. Ma l'iniziativa, promettono gli ideatori, verrebbe immediatamente sospesa in caso di riduzione di benefit e stipendi.



Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...