Si è svolto a Montalto di Castro (VT) nella sala del complesso monumentale San Sisto, il convegno – dibattito dal titolo “Meno e meglio” organizzato dall’associazione ambientalista Fare Verde che festeggia i 25 anni di vita.
E l’associazione per superare l’attuale crisi economica punta sulla “decrescita felice”. “Sta finendo un’epoca storica iniziata con la rivoluzione industriale – ha detto il presidente del movimento per la decrescita felice Maurizio Pallante – dobbiamo proporre un modello energetico alternativo. La decrescita è la strada da percorrere. Servono tecnologie meno invasive per l’ambiente ma allo stesso tempo occorre produrre meno rifiuti e eliminare gli sprechi. Siamo coscienti che la crisi rimette in discussione gli stili di vita delle persone. La galassia dei movimenti locali – ha concluso - crei legami per diventare protagonista e non antagonista”.

Dopo i saluti di Fabiola Talenti e Silvano Olmi, rispettivamente consiglieri comunali a Montalto di Castro e Tarquinia, è toccato a Giancarlo Terzano ripercorrere la storia di Fare Verde che da sempre ha criticato il modello di sviluppo.
Interessante l’excursus storico del presidente nazionale di Fare Verde Massimo De Maio. “Abbiamo superato i limiti ecologici del pianeta – ha detto De Maio – non ci sono più spazi di crescita economica. Una crescita esponenziale e infinita è impossibile.  Le fonti fossili vanno verso l’esaurimento, il riscaldamento del pianeta è un fatto accertato, c’è una sovrapproduzione di merci e le crescita non incrementa il benessere. Non basta rallentare – ha concluso - bisogna cambiare rotta e riportare i livelli di produzione e di consumo in limiti accettabili”.

La soluzione, vista dal fronte ambientalista, è quella di puntare al miglioramento tecnologico e organizzativo dei processi economici ad esempio consumando i prodotti locali e rendendo le case più efficienti energicamente.
Lo scrittore e critico letterario Giuseppe Giaccio, ha avuto un approccio più filosofico. “L’economia – ha detto - non è una tecnica per la crescita infinita ma va intesa come la cura e gestione della casa. C’è bisogno di un primo confronto con la politica che dovrebbe accogliere questa istanza..”.
“Decrescere è l’elemento della sfida reale di oggi – ha detto Eduardo Zarelli - mentre la politica intende la crescita come indispensabile, come se fosse una dimensione naturale.”

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Merlani, spari su elicottero. Interviene Ciambella

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

PALAZZO E VILLA FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE, VISITE GUIDATE ED INFO

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...