“La Regione Liguria non dà il buon esempio in materia di raccolta differenziata” – è questa la sintesi delle opinioni dei Consiglieri Regionali dei Verdi Cristina Morelli e Carlo Vasconi che continuano – “Il D.lgs. 152/2006 impone che si raggiunga una quota di differenziata pari al 45% entro il 31 dicembre 2008. Una nostra interrogazione regionale evidenzia che il Dipartimento Ambiente della Regione Liguria ha emanato disposizioni affinché all’interno delle pubbliche amministrazioni statali e locali, società pubbliche e partecipate degli enti pubblici ricadenti nel territorio ligure, vengano attuate misure necessarie atte al raggiungimento degli obiettivi disposti dal decreto. Ma, a quanto ci risulta, i dati sono sconfortanti.”

I Consiglieri dei Verdi lamentano anche un mancato controllo. “Numerose regioni italiane, nonché comuni, hanno raggiunto significativi risultati circa la raccolta differenziata. In alcuni casi si riscontrano percentuali superiori al 70%. In Liguria i dati sono imbarazzanti. Secondo noi il gap negativo è da imputare ad una carenza di coordinamento, controllo, contributi ed informazione. Ma per invertire questo triste primato occorre innanzitutto dare il buon esempio dalla Regione; le direttive emanate lasciano il tempo che trovano ed occorre monitorare con maggior puntualità ciò che avviene nei nostri uffici. Partendo dallo stato di fatto, chiederemo periodicamente un report di raffronto al fine di migliorare la situazione.

Concludono Morelli e Vasconi – Questo controllo dovrà essere effettuato anche presso gli enti locali liguri non solo sulla differenziata ma anche, e soprattutto, sull’utilizzo di materiale riciclato (GPP) all’interno degli uffici che deve raggiungere una quota di almeno il 40%. La nostra più che una critica vuole essere un suggerimento su come debba essere seguita una strada, non semplice, ma che può portare la Liguria ad essere annoverata tra le regioni più virtuose in tema di raccolta differenziata.”

 

Cristina Morelli e Carlo Vasconi

Consiglieri Regionali dei Verdi

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...