Lazio, ultime notizie Viterbo - UnoNotizie.it - Non capisco il motivo per il quale il nostro territorio dovrebbe ospitare un termovalorizzatore e non riesco neanche a comprendere  come si possa immaginare che tale idea possa trovare spazio in quel progetto di  sviluppo sostenibile da tutti condiviso .

Il nostro territorio ha un valore intrinseco : la storia , la natura , i monumenti , i borghi , il paesaggio e le Comunità che vi abitano ed i Governi  locali dovrebbe mettere in atto azioni che , nel rispetto di questi talenti , valorizzino il lavoro degli uomini e delle donne , tutelino la loro salute e promuovano la cultura della partecipazione dei Cittadini .
In questo elementare processo di  coerenza tra scelte e programmi  il caso della gestione del ciclo dei  rifiuti è un caso emblematico .

Si parla di differenziazione  e riuso  , si promuovono programmi di sensibilizzazione dove il rifiuto diventa risorsa  con  la Provincia che cerca una caratterizzazione  su questa nuova ed efficace pratica della raccolta porta a porta  e poi , stranamente , i   più significativi esponenti  di Palazzo Gentili si lasciano andare a dichiarazioni di tolleranza o addirittura auspicio sulla costruzione di impianti inutili , dannosi e costosi .

Il nostro territorio è ideale per praticare la raccolta porta a porta e dove è stata messa in atto ha dimostrato di essere ben accolta , di migliorare l’estetica del Paese , di produrre risparmio e lavoro .
Le frazioni che si ricavano : plastica , carta , vetro e barattolame sono materiali che si possono vendere ,  non costa smaltirli in discarica , il loro riuso non inquina e fa bene all’ambiente .

Queste frazioni  sono il 65% del rifiuto e rappresentano  la parte combustibile per i processi di distruzione o termovalorizzazione , inoltre per estrarre dal rifiuto indifferenziato la plastica , la carta e gli altri elementi è necessario un procedimento per la produzione di Combustibile da Rifiuto particolarmente costoso .
La differenziazione  con e per i Cittadini , la termocombustione  , con i suoi costi eccessivi e con il suo inquinamento , contro gli interessi delle nostre Comunità.

Bisogna essere chiari  o la differenziazione o  la termocombustione , le due scelte non sono compatibili anzi sono inconciliabili .
 Saremo ben attenti ed insieme ai tanti Cittadini che amano la loro terra  faremo di tutto per evitare che la nostra Provincia si trasformi in  una enorme area di smaltimento e distruzione dei rifiuti della città di Roma.


Bengasi Battisti

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...