Inceneritore.
Ultime notizie Viterbo - UnoNotizie.it - Wildpoldsried è il paese più ecosostenibile del mondo  e il  sindaco Marini, dopo aver donato al collega due pubblicazioni su Viterbo, si è soffermato sulla tematica ambientale, sottolineando le iniziative che il Comune di Viterbo sta portando avanti in questi ultimi anni per ridurre la presenza di Co2 nell’aria (?!?). Forse Marini non ha spiegato al collega tutto o non è stato in grado di farlo.


La presenza sulla stampa delle affermazioni del Sindaco ex parlamentare sulla questione inceneritore è allarmante e inquietante. Proprio mentre la Polverini (tagliano drasticamente i fondi per la raccolta differenziata) promuove il nuovo piano rifiuti della Regione indicando l’obiettivo del 65% di differenziata e Viterbo è peraltro vergognosamente ancora sotto il 20%.

Ma di cosa stiamo parlando!?

 Con il 50% di raccolta differenziata regionale Viterbo produrrebbe un trentesimo (1/30) del CDR totale del Lazio (circa 20.000 t/anno). Per far funzionare un inceneritore/termovalorizzatore a Viterbo (quello che si vorrebbe realizzare brucerebbe circa 100.000 t/anno di CDR: una taglia media per un impianto economicamente sostenibile) dovrebbero arrivare rifiuti da Terni e Roma e da altre province.

Un inceneritore (non lo costruisce e gestisce il comune) agisce come una impresa privata che acquista rifiuti-combustibili dove vuole e che sceglie sulla base del prezzo più conveniente, anche dell’energia. Così nessuno garantisce sulla stabilità delle tariffe locali, come è accaduto con il decreto Verzaschi. Non si spiega altrimenti come gli inceneritori del Lazio non “bruciano” che il 40% dei rifiuti regionali, mentre gli altri provengono da altre regioni dove la situazione critica costringe gli enti locali a sostenere costi elevati per lo smaltimento.

Inoltre la negligenza del Sindaco (già Presidente della provincia) ha causato il mancato conferimento dei rifiuti viterbesi come Combustibile Da Rifiuti agli impianti regionali  (per fare il CDR era stato anche adottato l’aumento delle tariffe). Marini sa bene che Casale Bussi invece non produce e non avrebbe mai prodotto CDR. La discarica di Monterazzano è stata riempita con rifiuti potenzialmente trasformabili in CDR ma non riutilizzabili a tal fine, come previsto dai Piani provinciale e regionale, saturandola anzitempo, causando un danno enorme alla collettività viterbese. Quindi di cosa parla Marini?

Perché si ostina a fare dichiarazioni non suffragate da valutazioni tecniche, non condivise né discusse nelle sedi competenti, dando l’impressione ogni volta di parlare per interposta persona, come se lo avessero incaricato di fare dichiarazioni sulle quali non sarebbe in grado di fare ulteriori analisi o approfondimenti?

Ma in fondo – come diceva un teatrante di successo – la colpa non è sua ma di quello che gli sta accanto e che, in questo caso, lo ha convinto a scegliere di fare il sindaco e non il parlamentare. Con un evidente danno per la città.

 
Sinistra Ecologia e Libertà
Le segreterie Provinciale e Comunale di Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...