La Rai rinuncia al canone sulle aziende, ultime notizie Roma - UnoNotizie.it - E' una notizia dell'ultima ora il dietrofront della Rai rispetto alla pressante operazione di mailing posta in essere per indurre le imprese a corrispondere il canone speciale sul possesso di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni televisive al di fuori dell'ambito familiare.  
Era già stato stimato un gettito di 980 milioni di euro a carico delle aziende, il che avrebbe di fatto raddoppiato il gettito dei canoni incassati dall'emittente pubblica per il 2012.
Questa opportunità per la Rai si era presentata con l'introduzione nella manovra "salva Italia", all'articolo 17, dell'obbligo per società e imprese di indicare sul modello Unico il numero di abbonamento speciale alla televisione.

Ne era scaturita una immediata campagna stampa di informazione a tappeto sulle aziende, sottolineando l'obbligo di corrispondere il canone minimo di euro 200, anche  sulla base della sola detenzione di computer collegati in rete, indipendentemente dall'uso al quale gli stessi sono adibiti.
Al riguardo la Confcommercio, unitamente alle altre associazioni di categoria, aveva subito espresso a livello governativo il proprio vivo dissenso per un balzello censurabile quanto alla consistenza dei presupposti impositivi e del tutto inopportuno in questo momento economico così delicato per le aziende italiane.

Dal confronto instauratosi presso il ministero dello Sviluppo Economico è scaturita un'interpretazione della norma, risalente addirittura al 1938, che esclude gli apparecchi come pc, tablet e smartphone dal pagamento del canone.
La Rai, dopo breve contraddittorio, è capitolata sul punto ed ha accettato l'interpretazione ministeriale, affidando ad un comunicato stampa ufficiale la difesa della propria posizione, chiarendo tra l'altro che la Rai non ha mai richiesto il pagamento del canone per il mero possesso di un personal computer, mentre le lettere inviate dalla Direzione Abbonamenti tra l'altro così recitavano le vigenti disposizione normative impongono l'obbligo del pagamento di un abbonamento speciale a chiunque detenga apparecchi atti o adattabili a ricevere trasmissioni fuori dall'ambito familiare, compresi computer collegati in rete, indipendentemente dall'uso al quale gli stessi vengono adibiti.

Lasciamo al singolo lettore la libera interpretazione dei virgolettati sopra riportati limitandoci ad osservare come sul punto le aziende possono tirare un sospiro di sollievo per lo scampato pericolo,  mentre il Ministero ne esce con la consapevolezza di aver evitato di innescare sul punto un vero e proprio conflitto sociale.
Per la RAI invece si sottolinea l�ulteriore pessima figura risolta con un nulla di fatto e, cosa ancor peggiore, con sperpero di risorse pubbliche per una campagna stampa di cui nessuno sar� probabilmente chiamato e rendere conto.  

Il Direttore
Mauro Barlozzini
Associazione del Commercio Turismo Servizi e P.M.I. della Provincia di Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Merlani, spari su elicottero. Interviene Ciambella

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

PALAZZO E VILLA FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE, VISITE GUIDATE ED INFO

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...