Governo Monti e art. 44, carceri private: le organizzazioni criminali ringraziano, ultime notizie Roma -
UnoNotizie.it - Nell’ultimo decreto approvato dal governo Monti in mezzo a tante altre liberalizzazioni è stato introdotta nell’art.44 una norma definita “
Project financing per la realizzazione di infrastrutture carcerarie , con la quale si introduce per la prima volta la possibilità per i privati di costruire gli istituti penitenziari e, come recita l’articolo stesso, “al fine di assicurare il perseguimento dell’equilibrio economico-finanziario dell’investimento, al concessionario è riconosciuta, a titolo di prezzo, una tariffa per la gestione dell’infrastruttura e per i servizi connessi, ad esclusione della custodia”.

Inoltre, “il concessionario nella propria offerta deve prevedere che le fondazioni di origine bancaria contribuiscano alla realizzazione delle infrastrutture di cui al comma 1, con il finanziamento di almeno il 20 per cento del costo di investimento”.

Dietro queste due apparenti ed innocenti frasi si nasconde una vera rivoluzione. Infatti, il luogo di espiazione della pena diviene luogo di lucro sia per la sua costruzione che per il suo mantenimento e viste le infiltrazioni di natura criminale proprio nel settore dell’edilizia non ci si stupirà di poter trovare associazioni a delinquere interessate a partecipare all’affare.

La cosa più grave è che tale decisione sia stata presa senza una benché minima discussione nelle aule parlamentari con una vera cessazione del potere democratico. Ci domandiamo come sia possibile che l’attuale governo, ed in generale la politica che lo sostiene, consideri il delicato sistema di espiazione delle pene come una qualsiasi altra liberalizzazione di prodotti commerciali, il tutto passato sotto il più totale silenzio.

Per fortuna alcune associazioni di volontariato attive da molti anni nel mondo del carcere, quali Antigone ed altre, si stanno muovendo per dare voce a questo scandaloso modo di governare il paese trattando ogni settore della vita pubblica come un settore commerciale da privatizzare, organizzando incontri a vari livelli per spiegare come questa estrema logica privatistica non abbia fornito i risultati attesi negli altri paesi del mondo che l’hanno adottata.

L’IdV sostiene fortemente queste iniziative e si augura che anche altre forze politiche della Provincia aderiscano alle iniziativa.

Dr.ssa Teresa Mariotti

Responsabile problematiche sociali, IdV Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...