Decrescita. Ultime notizie Roma - UnoNotizie.it - N
ei momenti di crisi economica, per ripianare i debiti delle nazioni, viene indicata come una delle possibili soluzioni quella di aumentare la produzione, il PIL. In verità quello che deve aumentare non è la produzione ma il risparmio, che si può ottenere producendo di più a parità di consumi, o consumando di meno a parità di produzione, oppure con l’uno e l’altro. E questo vale sia per i debiti delle nazioni che per quelli delle famiglie.

Attualmente, data la crisi economica che deriva dal debito pubblico, si propongono varie azioni per aumentare il risparmio e far fronte ai debiti, ma raramente si parla di ridurre i consumi, cioè di decrescita. Anzi, poiché questa porta a una diminuzione del PIL, viene considerata un motivo di crisi e non una soluzione. E’ chiaro che diminuendo i consumi si penalizzeranno alcuni settori produttivi e questi settori si opporranno. Quindi, nell’interesse generale del sistema, essi vanno aiutati a trasformare la loro attività e a integrare in parte i loro mancati guadagni attraverso Ammortizzatori sociali.

Per quanto riguar
da la decrescita, essa non è sinonimo di crisi e anzi, se è il risultato consapevole ed equo di una decisione, oltre a essere il mezzo di una ripresa economica creando risparmio, potrà anche essere un momento di riflessione per rendersi conto di quanti consumi inutili ci siamo contornati. Bisogni materiali che potranno essere ridimensionati e sostituiti da valori qualitativi e immateriali (migliori relazioni sociali, tempo a disposizione, interessi culturali, rispetto per l’ambiente, minore stress) ben più soddisfacenti.

Questi valori oggi sono misurabili con gli indicatori di benessere (v. google) e sarebbe utile se soprattutto in questa fase di crisi essi potessero accompagnare gli indici esclusivamente economici espressi dalle agenzie di rating, consentendo di valutare non solo il PIL, ma anche il reale benessere delle nazioni.

PAOLO ROBERTO IMPERIALI
Presidente AmbienteScienze, 69 anni, Roma

Tratto da "La Stampa" di giovedi 1 marzo 2012

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...