Brescia, ultime news - UnoNotizie.it - La Strage di Piazza della Loggia fu un tremendo attentato terroristico compiuto da gruppi neofascisti il 28 maggio 1974 a Brescia, nella centrale Piazza della Loggia. Alcuni giorni fa la sentenza di appello che assolve tutti è stata menzionata al Telegiornale regionale lombardo su Rai Tre, e stop, così va la storia diurna del 14 aprile 2012. Domani ci racconteranno di un altro processo, di altri condannati e altre vittime, e che la Storia siamo noi.

In  una foto che ho messo su Facebook, sono apparse alcune testimonianze che riporto:

Annalisa Ravasio-  che vergogna la giustizia italiana io mi ricordo quei giorni mio papà ci aveva portato a vedere il luogo c’erano fiori per terra e tanta acqua che provava a lavare via il sangue …..e c’era come un silenzio assordante ..

Dhyan Gandha Emanuela Risari-Quando tornammo dai funerali al lago di Garda, dove vivevo, sull’autobus c’era solo silenzio. Poi un vecchio, un partigiano, prese in mano il microfono e da solo cantò questa canzone. Non ho mai smesso di cantarla e mai smetterò. http://youtu.be/u8dePv14vRo E ciò che vi dico oggi, cari amici, cari compagni, caro popolo della mia città è solo questo:  le spese di questo processo le pagheremo tutti noi. Aspetto al più presto le indicazioni per la sottoscrizione. L’unico Stato che riconosco siamo noi. Su la testa.

Graziella Pezzetta- ero la, ero una ragazzina, ricordo il carabiniere in posa per la foto, che indicava il punto dello scoppio e l’enorme macchia lasciata dal sangue.

Gabriele Salucci-28 maggio 1974, terza media. Dall’aula si sente gridare, nel corridoio.. è il papà di Luca, un mio compagno :”voglio portare a casa mio figlio, datemi mio figlio!” …era in preda al panico per la notizia appena giunta.. poi pian piano il succedersi delle informazioni, a casa il susseguirsi delle immagini tremende in diretta dalla piazza, dai TG nazionali. Sono momenti che nessuno potrà cancellare dalla mia mente. NESSUN COLPEVOLE !!Per la mia memoria, dei nipoti di oggi e quelli che verranno, per i miei figli e i loro amici, perchè internet significhi qualcosa…con amarezza e tristezza infinita mentre piove come in quel giorno…riporto ancora una volta e ringrazio chi ha lasciato una traccia o vorrà lasciarla.

Massimo Venturini- ero studente, pieno, come tanti, di alti ideali. Ricordo lo sgomento, la rabbia, le lacrime. Oggi ancora come allora e anche più è forte il senso di non appartenenza a questo “stato” che mai, mai, ripeto ribadisco e sottolineo, mai, ha dato un segnale di giustizia e di speranza alla propria gente. che fare…?

Giulio Bufo- che senso ha parlare nel 2012 degli anni ’70? Anni ’70 nati dal fracasso.
Scrive oggi 14 aprile 2012 Giulio Cavalli “E se una strage passa alla storia (quella volutamente minuscola che è sempre in pasto ai più voraci millantatori e revisionisti) allora significa che abbiamo perso noi. Dove non ci sono i colpevoli allora i colpevoli sono i morti?”

Pier Paolo Pasolini nel novembre del 1974 disse IO SO Aveva almeno il coraggio di dirlo. E scriverlo.

Per non sentire l’inutilità del virtuale, il nuovo modo di conoscere, perchè apprendano  la Storia anche  i miei nipoti, i figli e quelli che verranno e chi  sembra essersi addormentato per sempre, forse perchè è impossibile sopravvivere a tanta vergogna…lascio questa mia memoria a cui mi auguro se ne  aggiungano altre. Nella Piazza Bella Piazza…

Doriana Goracci


“È il 28 maggio del 1974, una folla s’è radunata in Piazza della Loggia a Brescia, per una manifestazione antifascista indetta dalle tre sigle sindacali, sono le ore 10,12, quando un botto violento sconvolge l’aria.
Ci sono scrosci di pioggia, quel giorno. Così, quando la potente bomba collocata in un contenitore dell’immondizia metallico, esplode, ombrelli volano sulla piazza, mentre diecine di corpi cadono al suolo. E chi non resta disteso scappa, pazzo di paura e privo di orientamento. Alla fine 8 i morti, 102 i feriti.L’Italia ripiomba nell’incubo innescato dalla strage di Piazza Fontana, cinque anni prima, a Milano.”

“Una bomba nascosta in un cestino portarifiuti fu fatta esplodere mentre era in corso una manifestazione contro il terrorismo neofascista indetta dai sindacati e dal Comitato Antifascista con la presenza del sindacalista della CISL Franco Castrezzati, dell’on. del PCI Adelio Terraroli e del segretario della camera del lavoro di Brescia Gianni Panella. L’attentato provocò la morte di otto persone e il ferimento di altre centodue. Proprio mentre Franco Castrezzati ricordava la strage di Piazza Fontana di quattro anni e mezzo prima, si udì lo scoppio.. Nell’agghiacciante registrazione della manifestazione, un documento sonoro che, chiunque ricordi quegli anni, porterà per sempre dentro, si può udire la voce di Castrezzati che parla.. lo scoppio.. ancora Castrezzati, che con voce rotta grida: “Compagni! State Calmi! Lavoratori! Tutti al centro della piazza!”. Sul selciato, tra i brandelli delle bandiere rosse, rimasero i corpi dilaniati di otto vittime, delle quali vogliamo ancora ricordare il nome:
• Giulietta Banzi Bazoli, anni 34, insegnante
• Livia Bottardi Milani, anni 32, insegnante
• Euplo Natali, anni 69, pensionato
• Luigi Pinto, anni 25, insegnante
• Bartolomeo Talenti, anni 56, operaio
• Alberto Trebeschi, anni 37, insegnante
• Clementina Calzari Trebeschi, anni 31, insegnante
• Vittorio Zambarda, anni 60, operaio



canzoniere bresciano – ricordo della strage di piazza logggia

Troppi anni son passati
per potere ricordare
veramente cosa è stato
quell’inferno maledetto

Per potere ricordare
quegli sguardi senza vita
quella voglia di fuggire
senza voglia di tornare

Per potere rivedere
un’altra vita in quella piazza
di ragazzi che in quel maggio
non potevano capire
perché uccisa da una storia
una storia mai finita
una storia ….mai finita

Quanta voglia di giustizia
ci ha portati in questa piazza
ogni anno di una storia
senza pace ne giustizia

Altre storie ci han portato
con violenza i sassi in tasca
a cercare a modo nostro
una vera verità

Ma i ragazzi son cresciuti
e qualcosa hanno capito
e ogni giorno e ogni ora
qui di fronte alla colonna
hanno detto no alla morte
han deciso per la vita
han deciso ….per la vita

E la storia mai finita
come tutte queste storie
spacca il cuore e la sua pietra
e ritrova la sua vita
nei caduti di ogni giorno
dentro agli occhi e alla memoria
di quel giorno maledetto
della guerra mai finita
della guerra ….mai finita.

Brescia 28 maggio – Franco Trincale

Il 28 di maggio alle dieci del mattino
gridando: «Abbasso il fascismo» si sfila sotto la pioggia
in Piazza della Loggia il corteo è arrivato
per ascoltare il comizio indetto dal sindacato..

Si sente un gran boato, grida di dolore
la gente fugge in preda al panico e al terrore..

Il sangue di innocenti è sparso sul selciato
a Brescia un’altra strage i fascisti hanno firmato..

La strategia è sempre quella di Piazza Fontana
contro la democratica repubblica italiana..

La vile trama nera con le bombe ancora
vuole fermare l’Italia che lotta e che lavora..

Scendiamo nelle piazze, uniti e con coscienza
così come lo fummo nella Resistenza..

Non bastan le parole dei nostri governanti
colpire bisogna coi fatti autori e mandanti..

In fabbrica si sciopera oggi non si lavora
l’Italia si è fermata e i martiri onora..

E ai vili attentatori: questa è la vertenza
indietro non si torna… continua la Resistenza..

O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
una mattina si sono alzati..
son morti in otto.. per la libertà..



Sentenza N. Reg. N. 7/2011 Reg. Ass.
Repubblica Italiana
In nome del popolo italiano
La Corte d’Assise e di Appello di Brescia ha pronunciato la seguente
SENTENZA
Nel procedimento penale contro Maggi Carlo Maria, Zorzi Delfo, Tramonte Maurizio, Rauti Giuseppe Umberto e Delfino Francesco
P.Q.M.
Visti gli artt. 591, 592 e 605 C.P.P.;
dichiara l’inammissibilità dell’appello proposto dalle parti civili Camera del Lavoro di Brescia e Natali Elvezio, in proprio e quale erede di Natali Rolando e Raffaelli Persilia, nei contronti di Rauti Giuseppe Umberto,e conferma la sentenza emessa dalla Corte D’Assise di Brescia in data 16 novembre 2010 nei confronti di Maggi Carlo Maria, Zorzi Delfo, Tramonte Maurizio, Rauti Giusepe Umberto e Delfino Francesco, ponendo il pagamento delle spese processuali del presente grado del giudizio a carico delle parti civili appellanti (Trebeschi Giorgio, Loda Adriana, Lussignoli Maria, Calzari Anna, Peroni Redento, Bottardi Alberto, Cucchini Roberto, Camera Sindacale Provinciale di Brescia, Bazoli Alfredo, Bazoli Beatrice, Confederazione Italiana Sindacato Lavoratori, Cima Marco, Montanti Giuseppe, Zambarda Bernardo, Milani Manlio, Calzari Lucia, Romani Enzo, Rizzi Anna Maria, Formato Domenico, Trebeschi Arnaldo e Bontempi Pietro, Comune di Brescia, Natali Elvezio, in proprio e quale erede di Natali Rolando e Raffaelli Persilia, Camera del Lavoro di Brescia e Talenti Ugo).
Indica in giorni 90 il termine per il deposito della motivazione.
Brescia 14 aprile 2012
Il Presidente


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...