Sciame sismico nel Pollino, ultime notizie Cosenza - www.unonotizie.it – La causa delle 550 scosse più o meno lievi che stanno agitando il nord della Calabria e parte della Basilicata da un anno a questa parte sarebbe uno sciame sismico che in questi giorni è arrivato all’apice della sua azione con il terremoto che anche stanotte ha agitato il Pollino, nel nord della Calabria e al confine con la Basilicata.

Il continuo ripetersi dei fenomeni sismici ha fatto salire alle stelle la tensione tra gli amministratori e gli abitanti della zona, che in più di un'occasione si sono riversati per le strade. Una scena che si è ripetuta anche la notte scorsa. In centinaia, tra Castrovillari, Morano e Frascineto, i comuni in cui il sisma è stato avvertito più distintamente, hanno abbandonato le loro case in pigiama correndo verso spazi aperti per la paura di crolli.

Dopo la scossa, in molti hanno preferito continuare a trascorrere la notte all'aperto piuttosto che fare ritorno nelle proprie abitazioni. Fortunatamente non sono segnalate vittime o feriti, ma le scosse di oggi hanno provocato la caduta di frammenti del cornicione del campanile della chiesa della Maddalena oltre ad una crepa su una delle colonne. Per oggi è in programma un sopralluogo dei tecnici della soprintendenza per verificare la stabilità dell'edificio. Analoghi controlli sono stati disposti in tutte le scuole di Morano che, a scopo precauzionale, oggi sono state chiuse. Ma non è solo il Pollino ad essere interessato dallo sciame sismico.

Anche nella zona più a sud della provincia di Cosenza, che comprende, oltre al capoluogo, comuni come San Fili, San Marco Argentano, Rende, San Vincenzo La Costa, Montalto Uffugo, Lattarico e Cavallerizzo di Cerzeto, è interessata da scosse che vanno avanti da un anno. La Calabria, è l'analisi del geologo del Cnr Carlo Tansi, responsabile scientifico del progetto Amamir (Azioni di monitoraggio avanzato per la mitigazione del rischio idrogeologico), è attraversata da un sistema di faglie in piena attività che si sviluppa dalla valle del Crati, passa per lo Stretto di Messina e termina nella Sicilia orientale.

Una di queste faglie, responsabile della quasi totalità dei terremoti che hanno colpito la Calabria in epoca storica, si estende per circa 30 chilometri tra San Fili e San Marco Argentano sviluppandosi ad una profondità di una decina di chilometri. Ed è proprio questa faglia, secondo Tansi, ad avere originato numerosi terremoti: quello del 1184 che ha raso al suolo molti abitati della media valle del Crati; il sisma del 20 febbraio 1980 che ha portato in strada molti cosentini; il sisma del 20 dicembre 1987, sempre a Cosenza; e lo sciame sismico che da mesi interessa l'area del Pollino e che sta gettando nel panico la popolazione.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

PALAZZO E VILLA FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE, VISITE GUIDATE ED INFO

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...