Silvio Berlusconi da battaglia all'euro, ultime notizie Roma - Le sorti dell’Europa e anche dell’Italia sono appese al vertice di Bruxelles di fine mese, ma più di ogni vertice è il voto greco a mettere in allarme i politici di tutto il vecchio continente. Anche se è molto probabile una vittoria di Nea Demokratia che farà di tutto per mantere la Grecia in area euro, si pensa anche alle conseguenze che si potrebbero aprire in seguito a un’uscita della Grecia dall’euro.

In questo caso potrebbe precipitare anche la situazione a Roma, tanto da pregiudicare la stabilità del governo e aprire la strada verso l'ignoto, che a quel punto non escluderebbe l'opzione delle elezioni anticipate. A rendere più incerta e delicata questa fase ci sta pensando Berlusconi, pronto a intestarsi un'operazione «shock and awe» che destabilizzerebbe il suo partito e (forse) l'intero quadro politico.

È bastato un suo ragionamento a mettere in allerta non solo il Pdl ma l'intera «strana maggioranza». «Se la Merkel fosse stata meno intransigente - secondo il Cavaliere - l'Europa avrebbe dovuto magari sopportare un po' di inflazione in più, ma non sarebbe caduta in recessione. A questo punto mi chiedo se per l'Italia non sia meglio tornare alla lira».

Ecco come si appresta a riposizionarsi l'ex premier, con una battaglia «culturale» per un ritorno alla moneta nazionale che sa tanto di campagna elettorale. E non è detto che per avviare l'offensiva debba attendere l'esito dell'appuntamento del 28 giugno. La prima mossa potrebbe farla già la prossima settimana, se le elezioni in Grecia consegnassero la vittoria ai partiti del fronte anti-euro. Perché in quel caso l'inevitabile uscita di Atene dalla divisa unica, rappresenterebbe a suoi occhi «un precedente», farebbe capire che il divorzio è possibile, che la strada è percorribile.

C'è un motivo quindi se ieri i vertici del Pdl sono insorti contro la linea del Giornale , se Alfano ha chiamato Feltri sfidandolo a candidarsi alle primarie del partito: è stato un modo per parlare a nuora affinché suocera intendesse. Ed era rivolta alla suocera, cioè a Berlusconi, anche la nota congiunta firmata dal vicepresidente della Camera Lupi e dal capogruppo all'Europarlamento Mauro: «Abbandonare l'euro sarebbe un suicidio. Non è tornando alla lira che si salva l'Italia». Un punto - secondo i due esponenti del Pdl - su cui il partito deve avere una «posizione netta» e «non negoziabile».

È un modo per resistere alle possibili manovre del Cavaliere, che intanto incoraggia chicchessia a candidarsi alle primarie, con il chiaro intento di scombinare i piani all'attuale gruppo dirigente e continuare a essere «l'allenatore» che fa la formazione. Ed è singolare la convergenza di vedute tra Lupi e Mauro con il segretario del Pd, che bolla come «irresponsabile» la tesi di chi vorrebbe l'Italia fuori dalla moneta unica. È un argine alzato prima della piena che rischia di cambiare il volto e la storia dell'Europa, un'ipotesi che lo stesso premier non ha potuto escludere quando ha incontrato Alfano, Bersani e Casini.

Dopo quel vertice a palazzo Chigi, l'Abc della politica non ripone grande ottimismo sul vertice di Bruxelles. Non a caso il capo dei democrat ha invitato i rappresentanti della sua segreteria a «non sovradimensionare le aspettative» su quella riunione, perché «gli eventuali segnali positivi» varrebbero «poco in termini di operatività nel breve periodo». In più, la variabile greca continuerebbe ugualmente a pendere come una spada di Damocle sull'area-euro, anche se Atene decidesse di restarci: «Verrebbe chiesta di sicuro una ristrutturazione del debito, e se l'Ue tornasse a prendere di nuovo tempo...».

In caso di fallimento del vertice di Bruxelles, peraltro, anche per l'Udc sarebbe complicato reggere il peso del governo, se è vero che dai sondaggi ha dovuto riscontrare la perdita di un punto percentuale in una sola settimana. Certo, il decreto sviluppo varato ieri è un segno per sperare in un'inversione di tendenza, «ma non è che vada bene - spiegano i dirigenti centristi - va solo un po' meglio». E comunque il provvedimento ha posto un problema alle forze della «strana maggioranza». Perché un conto erano la riforma delle pensioni e quella del mercato del lavoro, pertinenti a un gabinetto tecnico. Altra cosa è decidere con gli incentivi e gli sgravi quali categorie favorire: un'opzione tutta politica. Di qui la diffidenza del Pdl e del Pd, con Bersani che invita Monti a «consultarci».

Ma è la scommessa europea a tenere in ambasce il Palazzo italiano, con annesse le manovre domestiche che medita Berlusconi. E stavolta, se desse voce alle sue «idee pazze», compresa la battaglia «culturale» sul ritorno alla lira, si farebbe scudo di personaggi eminenti, come il professor Savona, di cui il Cavaliere ha sottolineato molte parti dell'intervista rilasciata a Vittorio Zincone: quella in cui l'ex ministro sostiene che - in assenza di riforme radicali delle istituzioni europee - sarebbe preferibile per l'Italia lasciare la moneta unica, e lì dove critica l'approccio frettoloso all'euro avuto a quei tempi da Prodi e Ciampi.

Ce n'è abbastanza per l'innesco. E c'è un solo modo per evitare la deflagrazione: che Alfano e Bersani vincano la scommessa di trovare un'intesa sulla legge elettorale nelle prossime settimane. Se ci riuscissero, sarebbe pronto il paracadute per qualsiasi evenienza. Anche per il voto anticipato. Perciò i due segretari stanno gestendo direttamente quel dossier, mentre il Cavaliere studia i dettagli dell'operazione «shock and awe». Sebbene la sua «pazza idea» non sarebbe così originale, visto che c'è arrivato prima Beppe Grillo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...