Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo a tutto campo, ultime notizie Roma - Beppe Grillo interviene anche sull’astenzionismo, in un post del suo seguitissimo blog: ''Meta' del Paese si astiene dal voto, non e' interessato a chi lo governa, non vuole avere a che fare con la politica che considera lontana, estranea e immonda. Questa metà dell'Italia, che oggi vive sottocoperta, puo' salvare il Paese. Bisogna riportarla al voto per spazzare via le oligarchie, i partiti, i mafiosi, l'informazione corrotta''.

''Da qui alle elezioni del 2013 chiunque segue il MoVimento 5 Stelle deve darsi come compito informare gli astenuti che si puo' voltare pagina, spiegargli il nostro Programma – ribadisce Grillo - Portarli alle urne convincendoli che, per la prima volta nella loro vita, potranno votare per se stessi. Loro non si arrenderanno mai (noi neppure). Ci vediamo in Parlamento''.

''Gli italiani sanno tutto. Tutto dei rapporti Stato-mafia. Tutto sulle stragi e sui delitti eccellenti. Sanno chi c'e' dietro e anche chi c'e' davanti'', scrive Grillo. ''I giudici, quando sono messi in grado di intervenire, sono sempre anticipati dalla vox populi di almeno qualche anno. Le banche sapevano del crack Parmalat e ne vendevano i bond fino all'ultimo minuto secondo. Berlusconi e Tremorti sapevano dell'abisso del debito pubblico da loro alimentato in totale incoscienza, ma sempre negato con il ghigno sulle labbra''.

''La conoscenza, in Italia, estesa, reiterata, diffusa fino alla nausea, senza pero' alcuna possibilita' di intervenire ha generato un senso di impotenza di cui molti sono prigionieri - sostiene il fondatore del M5S - L'italiano non crede al cambiamento, guarda la televisione e vede pontificare i politici che lo hanno portato alla rovina. Non capisce come questo sia possibile e cambia canale. Altrove, quei politici, sarebbero inseguiti per le strade. Qui ci prendono per il culo ogni sera con il sostegno dei giornalisti di regime. Il senso di impotenza genera il rifiuto, l'isolamento e, al momento delle elezioni, l'astensionismo''.

Perche' agli occhi degli elettori ''il voto non serve, tanto fanno sempre cio' che vogliono''. E in questo, conclude Grillo, ''Pdl e pdmeneolle pari sono. Fanno il cazzo che vogliono, comunque”.

Commenti

non e che questi finanzieri e politicanti giocano a indebitarci per poi comprari tutto al prezzo piu basso facindoci crederi di essere i salvatori della liberta e dolla democrazia intanto ci lasciano in mutande anzi mudi
commento inviato il 30/06/2012 alle 5:44 da enrico  
add
add

Altre News Attualità

DMO Expo Tuscia a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

VITERBO: PASSEGGIANDO DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA LUNGO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...