PARTE LA CAMPAGNA D’AUTUNNO DEI COMITATI PER ESIGERE IL PIANO REGOLATORE DEGLI IMPIANTI DI TLC.

 

IL CONSIGLIO COMUNALE INADEMPIENTE DA TRE ANNI ANCORA NON VOTA LA DELIBERA POPOLARE !

 

 

Come se non bastassero i cronici problemi di mobilità, rifiuti, decoro urbano e quant’altro, Roma si avvia a diventare la più estesa discarica elettromagnetica d’Europa, con le circa 3 mila antenne di telefonia mobile, che costituiscono un triste e non invidiabile patrimonio di ferraglia elettromagnetica nel contesto europeo!

Il Coordinamento dei Comitati romani, impegnato da anni in una “battaglia di civiltà” per affermare nella Capitale i principi di tutela della salute, partecipazione e condivisione delle scelte di governo del territorio, ha rivolto numerosi appelli (poi rivelatisi vani)  alle istituzioni cittadine, rilevando viceversa negli ultimi mesi un netto acuirsi del conflitto sociale, per colpa di ripetuti e sconcertanti episodi di Antenna Selvaggia, che hanno prodotto forte risentimento e la compatta mobilitazione delle comunità locali coinvolte.

Il Coordinamento, quindi, oggi lancia la campagna d’autunno, per esigere dalla Giunta e dal Consiglio comunale il rispetto delle regole che il Comune si è dato per Statuto e che, esso stesso, persiste a non applicare, in un regime di sistematica e deplorevole violazione.

Dal dicembre 2005 il Consiglio comunale risulta inadempiente per non aver discusso in Aula la Proposta di Delibera di Iniziativa Popolare più partecipata della storia: quella con cui si invoca un Piano Regolatore degli impianti di telefonia mobile e radiodiffusione, oggi inesistente nella Capitale. Quasi 23 mila romani hanno sancito la volontà di dotare la città di questo prezioso strumento urbanistico, subendo invece la più grande mortificazione della storia della democrazia partecipativa.

Da oggi si apre una stagione di rivendicazione permanente per Roma e le sue comunità locali, chiamate a presidiare i valori inestimabili della salute e della dignità fin nelle sedi ove si svolge la vita istituzionale.

Da oggi i comitati, le associazioni e le comunità locali saranno impegnati a presidiare a staffetta il Consiglio Comunale, per esigere di porre fine a questa autentica “anomalia dei diritti”, per sollecitare urgenti provvedimenti capaci di arginare l’emergenza sanitaria ed ambientale in atto, dettata dall’imbarbarimento tecnologico, che oramai da anni flagella la Capitale.

 

 

Giuseppe Teodoro

Coordinatore dei Comitati romani contro l'Elettrosmog 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...