Beppe Grillo si getta nella polemica interna al Pd sulle unioni omosessuali, ultime notizie Roma - Grillo coglie l’occasione per muovere un pesante affondo alle sinistre. Nel suo blog scrive di essere "favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Ognuno deve poter vivere la propria vita con lui o lei tutelato dalla legge".

Mentre a Rosi Bindi, che in sede di Assemblea Nazionale del Pd, si era detta contraria all’equiparazione di unioni civili e unioni di fatto (anche tra omosessuali) Grillo riserva una battuta che per stile e tenore ricorda da vicino quelle di Berlusconi: Problemi di convivenza con il vero amore non ne ha probabilmente mai avuti".

Il fondatore del Movimento Cinque Stelle ritiene la sua posizione "scontata e pacifica", nonostante sia stata preceduta da gaffe e tentennamenti. Come quello del nove maggio, in piazza Maggiore di Bologna, dove secondo la ricostruzione è dell'Arcigay da Beppe Grillo non era fino a quel momento giunta nessuna proposta sulle unioni omosessuali e si era limitato a battute infelici come "At salut, buson", che tradotto dal bolognese sta per "ti saluto, culattone". Poi è la volta dell’intervista al quotidiano israeliano Yedioth Ahronot, dove alla domanda sui matrimoni gay, il comico genovese replica con un "Forse" che fa discutere.

E sui vertici del Pd i toni si alzano. "Questi farisei, sepolcri imbiancati spruzzati di un rosso antico ormai stinto, pretendono di dettare le regole della morale. Una Bindi, un Bersani, un Rutelli. Quanti sono gay nel pdmenoelle e non lo dichiarano? Fate outing vi farà bene. I vostri nomi sono già conosciuti. Non c'è nulla di male a essere gay. Fa invece schifo negare diritti sacrosanti per un pugno di voti".

E sulla Bindi una battuta degna del miglior Berlusconi: "La Bindi, che problemi di convivenza con il vero amore non ne ha probabilmente mai avuti, ha negato persino la presentazione di un documento sull'unione civile tra gay. Vade retro Satana. Niente sesso, siamo pidimenoellini".

La frattura apertasi nel Pd è stata un’occasione che non è lasciato sfuggire neanche Antonio Di Pietro, per il presidente dell'Idv, "quella sui diritti della persona è una battaglia che dovrebbe essere trasversale e condivisa da tutti: laici e cattolici". Per questo, "ci auguriamo che quei deputati che hanno denunciato la chiusura del Pd in tema di diritti civili sostengano e sottoscrivano la nostra proposta di legge sul pieno riconoscimento dei matrimoni gay anche in Italia, già depositata in Parlamento". Perchè i diritti della persona "sono l'elemento qualificante per ogni democrazia e dovrebbero essere condivisi da tutto il centrosinistra, senza tentennamenti".

Il leader di Sinistra, Ecologia e Libertà, Nichi Vendola, affida la sua posizione a Twitter. Scrive: "Crolla il muro dell'ipocrisia. E la politica è costretta a fare i conti con la richiesta sacrosanta del matrimonio gay. Finalmente". Poi: "Sono per il diritto a matrimonio gay perché il Medioevo italiano è durato fin troppo. Basta con frammenti di diritti, vogliamo diritti interi, eguali per tutti".

Simone Casavecchia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DMO Expo Tuscia a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

VITERBO: PASSEGGIANDO DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA LUNGO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...