Brindisi risulta al 10° posto di una classifica stabilita rispetto alla media annua delle polveri sottili (PM10). Questo risultato ha indotto commenti entusiastici sulle performances ambientali delle industrie presenti nel territorio.

Noi ricercatori vogliamo contribuire a questo dibattito. Lo facciamo portando a conoscenza della opinione pubblica uno studio appena presentato al Congresso Nazionale sul particolato atmosferico - PM2008 - che si è tenuto a Bari nei giorni scorsi. Il nostro studio evidenzia come a Brindisi le variazioni giornaliere di PM10 siano associabili in modo statisticamente significativo ad un aumento giornaliero del numero di decessi per tutte le cause di morte (a esclusione di quelle accidentali) e, in particolare, per le cause di morte cardiovascolari. Si tratta di effetti immediati, cioè osservati il giorno dopo che i valori siano stati più alti anche se sempre nei limiti della normativa. Infatti, é ormai dimostrato che non esiste una soglia al di sotto della quale il particolato non abbia effetto, anche se è stata definita una soglia legale ufficiale da non superare.

Studi approfonditi, per i quali tuttavia non è facile trovare fondi, sarebbero necessari per valutare la composizione chimica legata all'origine del particolato (per esempio la frazione di IPA, idrocarburi policiclici aromatici), le sue trasformazioni in atmosfera, la tossicità biologica, la dimensione iperfine che rende il particolato capace di passare facilmente nel circolo sanguigno anche senza transitare dai polmoni.

Questi sono elementi determinanti, in larga parte sconosciuti, anche in una città che può mettere all’occhiello un “brillante” 10° posto, ed è ugualmente costretta a guardare "da che parte tira il vento", durante le ripetute emergenze che occorrono nella Zona Industriale.

Ci auguriamo di poter contribuire, da ricercatori pubblici, alla crescita della conoscenza della pressione ambientale sulla salute. Riteniamo molto utili gli sforzi verso l’acquisizione di nuovi dati e la diffusione delle conoscenze, meno utili – se non addirittura fuori luogo - dichiarazioni trionfalistiche e demagogici entusiasmi.

 

Marco Cervino

Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (ISAC) – CNR, Bologna

 

Emilio Gianicolo 

Istituto di fisiologia clinica (IFC) – CNR, Lecce

 

Cristina Mangia

Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (ISAC) – CNR, Lecce

 

Mary Serinelli 

Istituto di fisiologia clinica (IFC) – CNR, Lecce

 

Maria Angela Vigotti  

Università di Pisa

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...