LOMBARDIA ultime notizie MILANO – www.unonotizie.it – Aria di cambiamenti a Milano nel settore delle piccole e medie imprese e dello sviluppo economico Non è stato difficile, per un ingegnere aeronautico di origine siriane, realizzare il proprio sogno: si è messo in proprio con un capitale molto, molto ridotto. Prima lavorava come consulente esterno a partita IVA per varie aziende nel settore della progettazione meccanica, poi il lavoro è incominciato a calare, alcune delle aziende per le quali lavorava hanno incominciato a chiudere e la situazione sembrava mettersi male.

Il decreto sviluppo firmato  dal ministro Corrado Passera ha però permesso all’imprenditore milanese di realizzare un progetto che, per motivi economici non era mai riuscito a realizzare: in meno di una settimana il giovane ingegnere ha infatti aperto la sua  azienda che oltre alla progettazione meccanica si occupa anche di web design e di organizzazione di eventi sportivi. La scelta sembra essere stata quella giusta, perché iniziano a entrare anche i primi lavori.

Il professionista di cui sopra è uno degli oltre 200 giovani precari che, grazie al decreto 138 del 29 agosto scorso, sono riusciti a inventarsi un posto di lavoro a costo ridottissimo: per under 35 e non è ora possibile, infatti, aprire una srl con un  solo euro di capitale. Le formule sono in realtà due: srl semplificata per gli under 35 e srl a capitale ridotto per tutti gli altri. Nel primo caso è prevista l’esenzione da spese di bollo, notaio, diritti di segreteria e si spendono in media 368 euro, per la seconda formula non ci sono agevolazioni.

Secondo una  stima di Infocamere sono poco più di 200 le imprese nate da quando il decreto messo a punto dal  ministro Passera è entrato in vigore, con una media di 10 richieste al giorno. La metà delle start up finora avviate sono in Lombardia, 16 nella sola Milano. L’età media dei giovani milanesi che hanno dato vita alle aziende a “costo zero” è di 27 anni, in base ai dati forniti dalla Camera di Commercio del capoluogo lombardo. A Milano i settori maggiormente investiti dalla  novità sono quelli dei servizi e del commercio e le domande sono in continua crescita.

Situazione differente nella capitale, dove, secondo un’inchiesta del mensile Corriere Università, fino al 10 settembre non  era ancora possibile aprire un’azienda con formula  semplificata per ritardi nel recepimento della normativa. Secondo i giornalisti che si sono occupati dell’inchiesta il costo reale per l’apertura di un’azienda nella capitale era, infatti, ancora di circa 1000 euro, anche se la struttura societaria era quella della srl semplificata, contemplata dal decreto Sviluppo.  


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...