In Liguria consiglieri regionali Carlo Vasconi e Cristina Morelli, responsabile nazionale del Gruppo Animali dei Verdi, in merito all’assurda mattanza di cinghiali, adulti e cuccioli, avvenuta ieri mattina in mezzo alle abitazioni di Albissola, comunicano che è stata inviata una nota con richiesta di chiarimento alla Provincia di Savona per conoscere le motivazioni di questa grave azione di caccia, fuori da ogni regola, che ha provocato sdegno nella popolazione.   
“Come Verdi intendiamo denunciare in primo luogo le modalità di intervento della Polizia Provinciale – sottolineano Carlo Vasconi e Cristina Morelli – che, dai racconti degli abitanti della zona di via delle Industrie ad Albissola che numerosi ci hanno contattato, risultano essere state di grave rischio per la sicurezza pubblica poiché gli agenti hanno sparato in pieno giorno tra le abitazioni, inoltre desideriamo sapere chi ha autorizzato l’uccisione degli animali, tra cui tre cuccioli,  e per quali motivi.
Siamo stupiti che la Polizia Provinciale, che dovrebbe conoscere bene l’etologia dei cinghiali, non abbia pensato a soluzione alternative non cruente e non rischiose per gli abitanti della zona, gli agenti dovrebbero sapere bene come allontanare gli ungulati che, a quanto ci risulta e per quanto espongono noti etologi di fama nazionale, non sono animali così feroci ed aggressivi.
Un fatto che aggrava maggiormente la situazione è che, in base alle  testimonianze dei presenti,  un gruppo di abitanti aveva iniziato a spingere i cinghiali verso le alture, probabilmente sarebbero riusciti ad allontanarli se non fosse iniziata l’incomprensibile sparatoria da parte degli agenti.
La diffusione di questi ungulati negli anni passati è stata incrementata da ambienti del mondo venatorio per il loro “divertimento”, - concludono i consiglieri Verdi - la gestione degli stessi da parte dell’amministrazione provinciale dovrebbe essere mirata, secondo le norme, ad un controllo etologicamente corretto che preveda al primo punto metodi non cruenti, non certo così violenti come è accaduto ieri ad Albissola per i quali vogliamo risposte chiare e assicurazioni che in futuro fatti simili non accadano più”.
 
A.M. Marcoaldi

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...