Cinghiali radioattivi, ultime notizie Piemonte -
Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, in relazione alle notizie di contaminazione con cesio 137 di alcuni campioni di cinghiali della Valsesia dichiara che “i livelli di contaminazione riscontrati non costituiscono un rischio per la salute pubblica in considerazione dei limitati consumi di carne di cinghiale e di selvaggina”.


L'8 marzo scorso si è tenuta la prima riunione operativa tra i tecnici del ministero della Salute e i tecnici della Regione Piemonte, alla presenza del comandante dei carabinieri del Nas, gen. Cosimo Piccinno, e del comandante dei carabinieri del Noe, gen. Vincenzo Paticchio, sulla questione dei cinghiali della Valsesia sui quali sono stati riscontrati quantità significative di cesio 137. La riunione è durata due ore. Le autorità regionali piemontesi hanno fornito la mappa con le coordinate precise dei luoghi di tutti gli abbattimenti dei cinghiali risultati contaminati. Si tratta di capi abbattuti dai cacciatori tra il 27 settembre 2012 e il 18 novembre 2012. Di ogni animale si conosce l’età e il peso.

Di seguito la cartina con i luoghi degli abbattimenti
















































La legenda per leggere i dati è la seguente:


colore bianco 0-600 becquerel/kg
colore blu 600-1000 becquerel/kg
colore giallo 1000-3000 becquerel/kg
colore rosso >3000 becquerel/kg.
La soglia ammessa è 600b/kg

Nel corso della riunione i tecnici dell’Arpa e dell’Izs di Torino hanno ribadito che la radioattività è stata riscontrata in 27 capi ed è stata finora confermata dalle analisi dell’Izs di Foggia, Centro di referenza nazionale per la ricerca della radioattività nel settore zootecnico e veterinario, a cui sono stati inviati finora nove campioni.

Nel quadriennio 2006-2010, sono stati sottoposti a esami di ricerca del Cesio 137 latte, formaggi, acqua, terra  e fieno riscontrando livelli non trascurabili di radioattività, anche se ampiamente al di sotto dei limiti di legge, con eccezione dei campioni di terra, che hanno evidenziato picchi elevati a seconda dei punti di prelievo, confermando la contaminazione a “macchia di leopardo” già osservata in altre zone d’Italia al momento dell’incidente di Chernobyl. I valori dei campioni prelevati nel 2011 - solo per latte e formaggi - erano nella norma.

Al termine della riunione, è stato deciso di procedere al campionamento da parte del Noe di terra ed acqua e da parte del Nas di matrici alimentari (selvaggina, frutti di bosco, funghi, latte e formaggi) da sottoporre ad analisi di laboratorio in Istituti nazionali.

L’esito della riunione è stato riferito a Paolo Tamponi – procuratore della Repubblica di Vercelli – che aveva già aperto un fascicolo processuale contro ignoti per l’articolo 439 c.p. (Avvelenamento di acque e di sostanze alimentari).
Una relazione preliminare  sarà prospettata al  procuratore il 13 marzo a Vercelli nel corso di incontro con ufficiali del Nas e del Noe.

Fonte: ministero della Sanità

Commenti

Senza offesa per la sanità pubblica, in ogni caso è imperativo sospendere la caccia in tutto il territorio nazionale, fino a quando il nostro territorio non sarà completamente risanato da ogni veleno possibile. Gli organi pubblici tendono istituzionalmente, purtroppo, a contenere le notizie più allarmanti. Ma la salute del pianeta non merita ipocrisie continue. I cittadini hanno diritto di sapere a cosa vanno incontro con le loro azioni dirette od indirette, ed esserne quindi responsabilizzate. Chi inquina paga, questa la prima legge del nuovo parlamento
commento inviato il 11/03/2013 alle 4:15 da pierluigi  
Ecco il solito ambientalista della domenica Chiudere la caccia Bravo Si devono ringraziare i cacciatori se il problema è emerso, è mai possibile che voi ambientalisti avete come obbiettivo solo la chiusura della caccia ,difronte ad un evento GRAVE come quello successo in Valsesia, non vi sorge il dubbio che forse i cacciatori possono svolgere con la loro attività un servizio di controllo sul territorio, utile a tutta la comunità. Parere personale ,non credo che la contaminazione da cesio 137 sia dovuta a Chernobyl,anche perchè solo nella provincia di Biella e Vercelli sono stati abbattuti più di 500 cinghiali, possibile che siano contaminati solo 27 cinghiali in una zona ristretta della Valsesia Le cose sono due : - Ho sono stati sepolti in quelle zone dei rifiuti contaminati. - Ho sono stati effettuati i controlli solo in quelle zone. La seconda ipotesi è di una gravità estrema,perchè vuol dire che ci troviamo difronte ad un problema ben più vasto.
commento inviato il 12/03/2013 alle 1:25 da Michele   
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...