Lazio, ultime news Tarquinia (Viterbo) - UnoNotizie.it -
La SAT, ovvero quelli che dovrebbero realizzare l'autostrada, è intervenuta più volte nel tentativo di risolvere il problema dell'acqua, che ha inondato il suo cantiere allestito a Tarquinia vicino al fiume Mignone. Ma non c'è niente da fare, il piazzale costruito a ottobre è a tutt'oggi pieno di pozze e fango ed ha quell'aspetto miserabile che può avere un'opera appena finita già piena di rattoppi. Miserabile è anche il fossatello scavato per buona parte della lunghezza all'interno del cantiere nella speranza di drenare quanta più acqua possibile. Miserabile è il fossetto costruito all'esterno dell'area lasciando un varco aperto nell'argine di protezione (sic!), tanta è la paura che si ripeta lo spettacolo indegno di vedere uno stagno pieno di uccelli sguazzanti, come a novembre e dicembre.


Indigna pensare che degli incapaci, che non hanno saputo preparare in sicurezza il proprio cantiere e lo hanno collocato dove non andava costruito, dovrebbero realizzare un'opera che nel territorio di Tarquinia, delicatissimo e fragilissimo dal punto di vista idrogeologico, avrà l'impatto di un'enorme diga di 25 km, esposta ad alluvioni che nel tempo aumenteranno d'intensità, stando ai meteorologi.

Quel cantiere è l'immagine dell'Italia della casta e la A12 è un'autostrada della casta, che governanti compiacenti hanno illegittimamente assegnato alla SAT, una società totalmente privata di cui lo Stato sta tollerando, ignorando principi elementari di buona amministrazione, il pubblico conflitto d'interessi del suo presidente-commissario-governativo.

Per il nostro territorio e per tutti gli italiani che la pagheranno cara con pedaggi salati, la A12 è un enorme “sòla” perché nasconde (ma non troppo) il furto dell'Aurelia a noi sottratta e regalata alla SAT, che grazie al silenzio anche del nostro sindaco ci farà pagare un pedaggio per usarla; la A12 è un'opera inutile in grado di coagulare gli interessi incrociati delle cooperative rosse con quelli di un palazzinaro romano e con quelli di una banca semi fallita classificata spazzatura dalle agenzie internazionali.

Insomma, continua la storia italica di un gran numero di parassiti di destra e di sinistra, che dicono di fare politica ma in realtà vivono alla faccia nostra accumulando soldi in qualche paradiso fiscale.

“SPAZIO APERTO LISTA CIVICA”

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FRANCIA, IL TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...