Lazio, Tarquinia centrali carbone ultime news www.UnoNotizie.it - L'assordante silenzio dei Sindaci del comprensorio -  firmatari, a suo tempo, degli accordi con ENEL ed onnipresenti quando si era trattato di ottenere compensazioni economiche dall'ente energetico - sulla vertenza del rinnovo dell'autorizzazione Integrata Ambientale della centrale di Torrevaldaliga Nord è solo l'ennesima prova che tali accordi altro non erano che un'elemosina elargita per comprare il silenzio dei "Comuni-servi" sulle malattie e le morti che la centrale di Torrevaldaliga Nord causerà per i prossimi decenni alla popolazione di Civitavecchia e dell'Alto Lazio.

Malattie e morti che aumenteranno grazie all'aumentata capacità produttiva della centrale a carbone, autorizzata in sede di conferenza dei servizi. Il tutto, appunto, nel silenzio dei sindaci di Tarquinia, Allumiere, Tolfa e Santa Marinella che, per legge, sono i primi responsabili della salute di quelle comunità  che, unitamente a Civitavecchia, si troveranno a pagare le conseguenze di tale inquinamento.

Ci chiediamo come possano dormire sonni tranquilli sapendo che: la centrale di Torrevaldaliga nord funzionerà 1500 ore in più; potrà  bruciare 900.000 tonnellate all'anno di carbone in più rispetto all'autorizzazione originaria; utilizzerà  un carbone con percentuale di zolfo superiore a quanto previsto dalla normativa in vigore nella Regione Lazio e pot  emettere fumi con concentrazioni di monossido di carbonio quasi tre volte superiori a quanto previsto dalla legge!

Il loro vergognoso silenzio, la loro totale assenza nel procedimento per il rinnovo dell'autorizzazione integrata ambientale, il non aver detto una sola parola o presentato una sola riga di osservazione a quanto richiesto ad ENEL sono solo l'ultima testimonianza dell'gnobile servitù alla quale sono legati coloro che stringono accordi con l'ente energetico.

Sorge lecito il dubbio che tale silenzio sia legato alla speranza/tentativo di strappare ulteriori accordi economici offrendo, in cambio, amnesie e distrazioni sul tema delle ricadute dell'inquinamento, del danno alla salute e all'economia.

Non ci stupirebbe se all'improvviso  qualcuno di questi Sindaci, in prossimità  della conclusione delle trattative in atto a Civitavecchia, iniziasse ad alzare la voce evidenziando le ricadute negative della centrale, tranne poi ritornare silente dopo aver ottenuto un piattino di lenticchie. Perchè, ormai è evidente quanto considerano - lor Signori - la qualità  della vita e la salute dei cittadini:  praticamente niente! Ma questa è storia vecchia!!!!



  Movimento No Coke Alto Lazio

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...