Aumenta il numero di monete in euro contraffatte in circolazione, ultime notizie Lecce -  I criminali stanno prendendo di mira principalmente le monete da due euro. Essa resta di gran lunga la moneta più ambita per questa attività criminosa (quasi due monete su tre tra quelle rilevate). Sempre secondo gli inquirenti, le organizzazioni dei falsari hanno individuato nel Belgio il ventre molle dell’Unione per i traffici dalla Cina che è diventata la porta d'ingresso per l'Ue per lo smercio delle  monete. Il numero di euro metallici falsi ritirati dalla circolazione è aumentato del 17%, da 157 000 nel 2011 a 184 000 nel 2012. A fronte dei 16,5 miliardi di monete attualmente in circolazione, il tasso di falsificazione è pari a 1 su 100 000 monete autentiche. Intanto in Italia numerosi infatti sarebbero i soldi in metallo contraffatti che circolano in bar, negozi, supermercati. Un fenomeno che se non assume ancora i caratteri dell’emergenza, poco ci manca e che riguarda soprattutto le monete più di valore, tanto che le denunce da parte di negozianti sono sempre di più. Per i negozianti non è sempre facile riconoscere le copie: spesso sono molto simili agli originali e differiscono da questi solo per piccolissimi dettagli. Prese di mira in particolare le macchinette di vario genere, dai distributori di bibite o di biglietti ai parchimetri, anche se sono tarate in modo tale da riconoscere peso e dimensioni delle monete. L’ultima operazione di sequestro di monete in Europa era stata effettuata in Italia il 16 gennaio dai Carabinieri e Guardia di Finanza in collaborazione con l'OLAF. L'operazione di polizia ha impedito ulteriore produzione di un gran numero di monete contraffatte. Una zecca illegale è stata scoperta in un garage in una villa isolata nei pressi di Roma. Tre criminali sono stati arrestati mentre producevano monete false da €1 e €2 a Gallicano nel Lazio, dove sono stati sequestrati circa 120.000 € oltre attrezzature e materiale. Due delle tre persone arrestate erano orafi specializzati nell’incisione. Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” è necessaria un'azione più incisiva contro i contraffattori in Europa. Inoltre è importante per i consumatori sapere che la legge prevede che appena si scopre un falso questo deve essere consegnato a uno dei soggetti indicati dalla legge, tra i quali ci sono le banche, gli uffici postali, le società di investimento e di gestione del risparmio, gli agenti di cambio e le imprese di assicurazioni. Spetterà poi a questi soggetti consegnare tempestivamente i soldi sospetti al Centro nazionale di analisi della Zecca dello Stato. Se questi dovessero risultare legittimi, verranno rimborsati i soldi equivalenti, se invece dovessero risultare falsi, nulla sarà dovuto all’esibitore.

Fonte: Giovanni D'Agata

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

VITERBO: A PIEDI DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA ATTRAVERSANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

Tuscia, a Viterbo prende forma la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...