Abbiamo costituito l’associazione ViviamoVitinia per ricavare un parco pubblico da un’area militare in dismissione, “ex terzo Deposito Carburanti” che si trova a Vitinia (Roma). Si tratta di una splendida area verde dove ridenti colline si alternano ad ampie vallate. Tutto è condito da viali alberati e da una vegetazione spontanea così variegata da offrire possibilità di vita a tante specie animali: buon pascolo dove circolano liberamente mucche, pecore, asini, capre; boschetti dove trovano ristoro uccelli migratori e dove nidificano le specie nostrane più comuni, Cespugli e rovi dai quali spuntano famigliole di istrici.

Seminascosto, un sito archeologico mal cela i resti di una villa romana e le colline sono cosparse di fittili.

Nella parte più alta lo sguardo spazia e si perde in un panorama incantevole: sotto, il Tevere, all’orizzonte, la città eterna.

Non a caso insistevano su questa area i vincoli paesaggistici posti dalla Regione:

  • Area di Grande Valore Agricolo
  • Area archeologica;
  • Area boschiva;
  • Punto di vista a 360°.

Tutti i vincoli sono stati declassati per consentire la cementificazione di una parte di pregio dell’area. Così, al posto di un paesaggio di rara bellezza, sul culmine della collina vedremo una colata di 150.000 metri cubi di cemento, pari a 500 appartamenti.

 

             Ecco cosa vorremmo cancellare: il progetto di urbanizzazione dell’area.

Purtroppo, la località non è conosciuta da tutti come altri beni più famosi sui quali, per fortuna, collaborando alle battaglie delle grandi associazioni ambientaliste (Italia Nostra, WWF, VAS), siamo riusciti a scongiurare scempi indicibili, quale il parcheggio sul Pincio.

Per un quartiere periferico come il nostro, del tutto privo di spazi verdi pubblici e completamente abbandonato dalle Istituzioni, l’acquisizione a parco pubblico di tutta l’area rappresenta un bene irrinunciabile.

Salvare quest’area significa mantenere un polmone verde che ossigeni anche i quartieri limitrofi e ne argini l’espansione edilizia.

 

Aiutateci a salvarla chiedendo: la cancellazione del progetto di cementificazione (ATO R62) sull’area militare in dismissione a Vitinia ( ROMA). Non è la solita petizione. Dobbiamo raccogliere migliaia di firme entro il 30 ottobre 2008.

 

Come si può collaborare:

  • “on line”, visitando il sito del F.A.I. o digitando su google “i luoghi del cuore”. In questo caso, nello spazio “quello che vorrei cancellare è, (max 100 caratteri)” inserite la seguente dicitura già ridotta per l’uso: progetto cementificazione ATO R62 sull’area militare in dismissione a Vitinia ROMA  Compilati poi gli spazi personali, nello spazio “allega foto max 100K” potete inserire una delle foto allegate già ridotta per l’uso. Nello spazio “Note max 300 caratteri”, inserite la seguente dicitura già ridotta per l’uso: Cancellazione del progetto di cementificazione ATO R62 sull’AREA MILITARE in dismissione ex Deposito Carburanti Vitinia-Roma, area collinare con vincoli archeologici, boschivi, panoramici tolti per speculazione edilizia. Al posto di un paesaggio di rara bellezza vedremo 150.000 metri cubi di cemento
  • Compilando la cartolina del FAI disponibile in tutte le filiali Intesa Sanpaolo, nei punti vendita Feltrinelli e RicordiMediaStores. Sotto la voce”Quello che vorrei cancellare è:.., inserite la frase: progetto cementificazione ATO R62 sull’area militare in dismissione a Vitinia ROMA   

La cartolina non deve essere affrancata e va imbucata nell’apposito contenitore fornito dalla banca.

 

ATTENZIONE L’INIZIATIVA SCADE IL 30 OTTOBRE 2008

Per chiarimenti e per collaborare telefonate al n.: 3334984691 o ai numeri che potrà aggiungere chiunque sia disposto a mettersi in gioco.

 

 

Paola Badessi

Associazione ViviamoVitinia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...