Aumenti benzina, ultime notizie Viterbo - Con il prezzo della benzina salito a 1,83 euro al litro, nonostante i continui cali del petrolio, l’Adoc chiede all’Antitrust un intervento urgente e diretto contro le compagnie petrolifere, che speculano alle spalle delle famiglie italiane, che spendono il 12% in più delle altre famiglie europee per  i rifornimenti.

“Il caro benzina è intollerabile e insopportabile, chiediamo all’Antitrust di richiamare all’ordine tutte le compagnie petrolifere, soprattutto quelle di bandiera, per porre fine a questa continua speculazione a danno degli italiani – dichiara Lamberto Santini, Presidente  Nazionale dell’Adoc – in Italia si spende in media il 12,3% in più che nel resto d’Europa, addirittura il 25% in più che nella vicina Svizzera. Negli ultimi cinque anni il prezzo della verde è cresciuto mediamente del 10% l’anno, causando seri e irreparabili danni economici sia ai consumatori che alle imprese.

E il fatto più grave è che senza tassazione acquistare oggi un litro di verde costerebbe solamente 85 centesimi di euro, dato che tra tasse e accise il costo dell’imposta arriva a 97 centesimi di euro. Sui carburanti gravano in fatti l’imposta di fabbricazione, le molteplici e ormai anacronistiche accise (a cui va aggiunta l’Iva) e l’Iva al 21%. Come Adoc siamo delusi anche dal comportamento delle compagnie di bandiera, che invece di reagire e venire incontro alle famiglie in un momento di profonda crisi si adeguano alle tendenze in rialzo . Ora basta, si intervenga subito per evitare il crollo completo del Paese e della fiducia negli organismi.”



Accise (euro)


0,000981        guerra di Etiopia del 1935-1936
0,00723          crisi di Suez del 1956
0,00516          ricostruzione post disastro del Vajont del 1963
0,00516          ricostruzione di Firenze dopo l’alluvione del 1966
0,00516          ricostruzione post sisma del Belice del 1968
0,0511             ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976
0,0387             ricostruzione in seguito al terremoto dell’Irpinia del 1980
0,106               guerra del Libano del 1983
0,0114             missione in Bosnia del 1996
0,02                 rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004
0,005               acquisto di autobus ecologici nel 2005
0,0071             finanziamento alla cultura nel 2011
0,04                 fronteggiare il flusso di immigrati dopo la crisi libica del 2011
0,0089             emergenza alluvione in Liguria e Toscana del novembre 2011
0,082               decreto “Salva Italia” del dicembre 2011
0,02                 emergenza post terremoto in Emilia del 2012
 
Importo Accise (Iva inclusa) = 0,50 euro
Imposta fabbricazione = 0,30 euro
Iva al 21% = 0,17 euro
Totale imposte = 0,97 euro



Il Presidente ADOC  Mauro Belli

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Domenica 7 luglio gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO L'ANTICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...