Rifiuti Lazio, discarica Inviolata,ultime news Guidonia- Martedì 6 agosto sono state presentate alla Regione Lazio le Osservazioni puntuali, a firma delle associazioni che aderiscono al Comitato Risanamento Ambientale di Guidonia e del Comitato Popolare Nord-Est Lazio, al documento con cui la ECO ITALIA 87 S.r.l. richiede di fatto un mega-ampliamento della discarica dell’Inviolata.


Un nuovo, immenso e devastante progetto che prevede abbancamenti per ulteriori 87.000 mc sopra ed intorno ai sei vecchi invasi (già autorizzati dalla Regione e contestati dalle associazioni locali), più altri 500.000 mc riservati al nuovo invaso (il 7°!), teoricamente destinato a discarica di servizio per l’impianto TMB, ma di fatto utilizzato per prolungare di altri cinque anni i profitti delle società CO.LA.RI. e Eco Italia 87 dell’avv. Cerroni.


Nel frattempo, sono cominciati i lavori per la costruzione dell’impianto TMB su cui pende da anni un ricorso al TAR delle associazioni aderenti CRA e - cosa se possibile ancora più grave - con lacaratterizzazione (monitoraggio effettuato dall’ARPA Lazio) dell’area inquinata ancora in corso e

con i primi risultati che fanno presagire una catastrofe ambientale.


Agosto è il periodo ideale per fare cose che “debbono passare inosservate” ed è per questo che il“buon” presidente della Giunta regionale del Lazio, NicolaZingaretti, sta firmando l'Ordinanza – per motivi d'urgenza e di emergenza (!) – che consentirà alla discarica dell'Inviolata, ormai esaurita,

di ricevere ancora rifiuti senza attendere lunghe e noiose autorizzazioni integrate ambientali con tanto di pareri obbligatori e, magari, anche contrari (come quello paesaggistico del Mibac.


Nonostante la disattenzione da parte dei politici locali, che sono distratti tutto l’anno (che fine hanno fatto quelli contrari al TMB all'Inviolata e quelli che s'opponevano a nuovi invasi di discarica?), i cittadini dei martoriati territori limitrofi che speravano nella chiusura della discarica per esaurimento e dei vari comitati ed associazioni non hanno abbassato la guardia!


Il Comitato Risanamento Ambientale di Guidonia denuncia con la solita puntualità i misfatti di questi sporchi affaristi (nel senso della 'monnezza' e non solo) e prepara la sua opposizione, anche legale, contro chi ha già degradato il nostro territorio e intende continuare ad arricchirsi sulla pelle

di quanti in questo territorio devono viverci.


Comitato per il Risanamento Ambientale di Guidonia

Comitato Popolare Nord-Est Lazio


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...