Dimissioni Mastrapasqua, dichiarazione dell'Unione sindacato di Base, ultime notizie Roma -
“Finalmente” – Questo il primo commento di Luigi Romagnoli, dell’Esecutivo nazionale della USB Pubblico Impiego, alla notizia delle dimissioni di Mastrapasqua da presidente dell’INPS.

“Finalmente si chiude una delle pagine più buie nella storia del più grande ente previdenziale d’Europa – dichiara il delegato nazionale della USB – Con Mastrapasqua alla presidenza l’INPS ha perso funzioni, è aumentato il peso delle società esterne, è stata imposta una riorganizzazione che ha sottratto attività e peggiorato il servizio e le condizioni di lavoro dei dipendenti dell’ente, sono passate norme che hanno di fatto distrutto il sistema previdenziale pubblico”.

“USB si è opposta con determinazione alla riorganizzazione voluta da Mastrapasqua – prosegue Romagnoli – e già nel 2012 denunciava il conflitto d’interessi del presidente e di altri amministratori pubblici, promuovendo una petizione tra i cittadini utenti dell’INPS, i “NO MASTRAPASQUA DAY”, per chiedere una norma che vietasse ai manager pubblici di avere altri incarichi in società partecipate o private e stabilisse un tetto invalicabile alle loro retribuzioni complessive”.

Spiega il dirigente sindacale della USB – “Le 5.706 firme raccolte davanti a 40 sedi dell’INPS, rappresentative dell’intero territorio nazionale, furono consegnate all’allora Ministro del Lavoro Fornero, che ci disse che le era stato impedito d’intervenire sulla governance dell’ente previdenziale. Oggi, evidentemente, le condizioni sono cambiate”.

“Accogliamo con soddisfazioni le dimissioni di Mastrapasqua da presidente dell’INPS – conclude Romagnoli – Ora ci aspettiamo non solo una Legge sul conflitto d’interessi dei manager pubblici e il ripristino di un governo collegiale dell’ente previdenziale con la nomina di un CdA, del quale non dovranno far parte le organizzazioni sindacali, ma soprattutto ci aspettiamo che si restituiscano autonomia, funzioni e sviluppo ad un ente che rappresenta un pilastro centrale del sistema sociale del Paese, tornando a guardare alla previdenza sociale pubblica non come un costo da tagliare ma come un investimento per la tenuta dello Stato. E’ quanto mai necessario rivedere la riforma delle pensioni per assicurare in futuro pensioni dignitose a tutti”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...