Pulizia spiaggia oasi Wwf Burano, ultime notizie ambiente -
I sistemi spiaggia-duna costituiscono un ambiente peculiare di confine tra mare e terra, sono caratterizzati da elevate instabilità e dinamicità e per questo sono molto vulnerabili. Il litorale sabbioso del comune di Capalbio si è dimostrato come uno dei meglio conservati in Italia e addirittura in tutto il bacino del Mediterraneo. Ospita ancora specie di invertebrati altrimenti in via d'estinzione e conserva un alto grado di biodiversità. 

Questo  anche grazie alla pulizia della spiaggia fatta esclusivamente a mano, organizzata dal WWF ormai da 25 anni, con il sostegno della Società Sacra e del Comune di Capalbio, e resa possibile dalla collaborazione di molti volontari e amici della natura, che si ritrovano presso il Centro visite di Burano con l'unico intento di passare una domenica al sole tiepido di fine inverno, “armati” di guanti e sacchi per raccogliere  i rifiuti portati dalle mareggiate. Un gesto semplice e salutare con effetti assolutamente risolutivi per la sopravvivenza di un habitat importantissimo, minacciato da continui interventi distruttivi dell'uomo.

Durante la passeggiata i  volontari potranno apprezzare l'importanza del sistema duna, arricchito da molto materiale naturale spiaggiato in precedenza  e non rimosso dalle macchine pulisci spiaggia, così da diventare un sostegno vitale contro l’erosione costiera.

E' molto importante infatti che venga raccolto solo materiale artificiale (plastica, metallo, vetro), ma non quello di origine naturale, come il legno, perché potrà reinserirsi nel ciclo naturale del sistema dunale.  Sarà possibile incontrare coleotteri rari, come la Eurynebria complanata e l'anfipode talitride Macarorchestia remyi, oppure nel cielo terso esemplari di uccelli migratori, che stanno arrivando in questo periodo. La spiaggia di Burano è anche il sito preferito da un piccolo uccello limicolo, che depone le uova nelle depressioni delle spiagge, il Fratino. L'appuntamento è al centro visite dell'oasi del Lago di Burano (SS1 Aurelia, uscita Marina di Capalbio Km 133) domenica 2 marzo alle 9,00. Per chi viene da lontano è possibile alloggiare la sera prima al CEA WWF Casale della Giannella. Dopo il pranzo al sacco offriamo la visita guidata nell'area protetta dell'Oasi, per completare l'esperienza dell'incontro con una natura ben conservata.

Prenotazioni e informazioni. Tel. 0564 / 898829 e lagodiburano@wwf.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FRANCIA TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...