"Il 5 novembre la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, in contemporanea con tutti i sindacati di categoria europei, organizza una giornata straordinaria di dimostrazione e di riflessione che giunge quest’anno alla sua 2^ edizione.

Temi conduttori saranno: la protezione delle fonti dei giornalisti, l’affermazione della loro autonomia ed il contratto di lavoro”.

 

Su osservatoriosullalegalita.org, leggo la notizia che il 5 novembre sarà la loro Giornata di mobilitazione e rivendicazione. Andando avanti leggerete il resto del comunicato.

Ma chiedo: chi siamo noi? Autori, lettori, non iscritti all’Ordine e Grado, scrittori irrefrenabili, passatori di carte e denunce su cronaca local - nazionale ed internazionale, passaparola: chi siamo noi? Corpi stesi da questa Disinformazione, sonnambuli della Rete, sollecitatrici e sobillatori dell’unanime scontento, passatempo dei Troll, dei Virus Infiltrati, scocciatori, fannulloni del tasto…? Chi siamo noi e quale contratto non abbiamo mai pattuito o siamo solo ostinati e nullafecenti della Comunicazione, della domanda senza risposta, del Dissenso da eliminare? Fatecelo sapere, Redazioni e Governo e ci metteremo tutte e tutti in piedi, in nome dell’articolo 21, quello sulla libertà d’espressione, salvo il caso che ciò che scriviamo, non venga censurato-eliminato dalla stampa stessa per motivi di interesse nazionale e sicurezza nazionale. Fatecelo sapere, con comodo, anche dopo l’ennesima Giornata…, per noi spam, ahimè, uguale a mille altre, distesi e sopraffatti dalle Vostre notizie e in archivio la Costituzione, con tutti gli articoli, incluso il 21. Poi ci metteremo in piedi, nel rispetto della Libertà d’espressione.

 

Doriana Goracci

 

 

 

“In particolar modo in Italia l’iniziativa è molto sentita ed attesa giacché nei confronti del giornalismo italiano si stanno moltiplicando pericolose iniziative volte a ridurre l’autonomia della professione attraverso nuove norme, come il disegno di legge Alfano che prevede anche il carcere per i giornalisti, contro la pubblicazione di informazioni di importante interesse per l’opinione pubblica che siano rilevate da atti di indagini giudiziarie. Su questi temi, e contro i palesi tentativi di ridurre lo spazio costituzionalmente riconosciuto dell’attività giornalistica, la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Unione dei cronisti italiani hanno già avviato in queste settimane oltre venti dimostrazioni pubbliche, con distribuzione di volantini e materiale informativo, nelle più importanti città d’Italia alle quali hanno partecipato centinaia e centinaia di giornalisti, coinvolgendo migliaia e migliaia di cittadini. Il 5 novembre prossimo una manifestazione nazionale si svolgerà dentro e fuori il cinema Capranichetta a Roma dalle 10 alle 13. Successivamente i giornalisti si dirigeranno in corteo davanti a Palazzo Monte Citorio indossando magliette bianche con slogan come “No alle notizie sotto chiave”, “No alla censura, no ai bavagli” e i loghi della Fnsi e della iniziativa Stand up for journalism. Gli stessi simboli saranno riprodotti anche su centinaia di bandiere, mentre i colleghi dell’Unione cronisti porteranno striscioni e cappellini colorati sui quali campeggeranno le scritte: “Liberi di informare”, “Liberi di sapere”, “Stampa libera””.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...