Gli alunni della scuola media di Capaccio-Paestum, insieme ai docenti e al dirigente scolastico prof. Minella,hanno partecipato al progetto " Educazione alla Legalità ,Sicurezza e Giustizia Sociale" promosso dal Comune di Capaccio e proposto dal Giudice Sante M.Lamonaca. Scopo del progetto è quello di sensibilizzare  gli alunni,alle problematiche connesse all'Illegalità  diffusa nel
nostro territorio e contribuire a radicare nei giovani il bisogno e il rispetto della Legalità . I relatori del progetto,hanno sviluppato il tema della droga,dando la possibilità  ai ragazzi,di conoscere gli
effetti prodotti dalle sostanze stupefacenti sull'organismo e prevenire così l'eventuale uso da parte loro.Per lo stesso fine,il giorno il 7 novembre prossimo,,diversi alunni incontreranno i detenuti del carcere di Eboli(Sa),per condividere con questi ultimi le loro esperienze di tossicodipendenza.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 2 giugno gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...